Utente 125XXX
Gentili dottori,questa matina prima di eseguire una spirometria mi hanno fatto una EGA al polso sinistro..Appena l'infermiera è entrata con l'ago ho sentito dolore alla vena,come se l'ago avesse toccato la vena,poi si vede che l'ha spostato e non ho più sentito dolore.Però adesso sento ancora delle piccole scariche in mzzo al polso,in corrispondenza della vena e a volte pure a metà del braccio.E' qualcosa di grave o solo un piccolo trauma dato che ha toccato la vena?Grazie mille per la vostra risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egr. Utente,
la puntura per effettuare l'Emo-Gas-Analisi (EGA) arteriosa può avvenire a livello del polso sull'arteria radiale. Trattasi di una procedura spesso caratterizzata da sintomatologia dolorosa fastidiosa in quanto sia la parete arteriosa, sia l'intero fascio vascolare sono strutture riccamente innervate e pertanto molto suscettibili a dolori generalmente transitori in seguito a puntura o traumatismo locale. Talvolta il dolore può essere più insistente e simile ad una "scossa elettrica". In questo caso probabilmente è stata interessata una branca sensitiva che frequentemente decorre in prossimità dell'arteria radiale. Non deve comunque preoccuparsi. Nella grandissima maggioranza dei casi il dolore tende a ridursi progressivamente nell'arco di sette-dieci giorni.
Per agevolare la riduzione di questa sintomatologia può effettuare massaggi delicati locali con gel antiinfiammatori. Utile anche la TENS (elettro-terapia con effetto analgesico trans-cutaneo).
Cordiali Saluti,