Utente 158XXX
Gentili dottori di medicitalia,
sono un ragazzo di 24 anni e ad oggi non ho ancora avuto il mio primo rapporto sessuale.
Giorno 14 aprile (un mese fa) ho ricevuto un intervento di frenuloplastica a casusa del problema del frenulo corto (la pelle che ricopre il glande si apriva del tutto anche in erezione ma il mio glande si incurvava verso il basso). L'intervento è andato bene. Nei giorni successivi all'intervento aprivo il pene 2 volte al giorno per sciacquarlo con acqua e amuchina (come consigliato dal chirurgo che mi ha operato) e per mettere sui punti un gel (il nefluan, composto da lidocaina cloridrato, neomicina solfato e fluocinolone acetonide). Giorno 29 aprile (ben 15 giorni dopo l'intervento) improvvisamente la pelle del prepuzio si è arrossata, per poi avvertire un incessante prurito che si è protratto per la notte seguente degenerando quindi in dolore e rigonfiamento (mi è stato diagnosticato dal chirurgo un importante edema prepuziale). Secondo il medico quest'edema non è stato causato da un'infezione, ma poichè la vena è stata trombizzata (è nella prassi dell'intervento) a causa di un'erezione non c'è stato un ritorno completo del sangue e si è formato appunto l'edema (spero di essermi riuscito a spiegare). Da 15 giorni prendo 2 compresse di reparil 40 mg (principio attivo: escina) 3 volte al giorno, e ho fatto già 9 punture di bentelan 1,5 mg (betamesone cloridrato). Nessuna terapia antibiotica. L'edema si è ridotto notevolmente, mi sono spuntate delle puntine rosse in quasi tutto il corpo (effetto collaterale delle reparil), ma la cosa più preoccupante è che non riesco più a scoprire il glande, anzi è molto chiuso adesso!! Il chirurgo mi ha detto che molto probabilmente adesso è necessario un'altro intervento, la circoncisione. Volevo chiedervi se secondo voi questo intervento è indispensabile oppure è più conveniente consultare un dermatologo, temendo che il mio chirurgo abbia sbagliato terapia. Sono molto preoccupato perchè non riesco affatto a vedere il glande, per quanto mi sforzi a scoprirlo. Non riesco inoltre a capire il perchè sia successo questo, visto che prima lo aprivo senza problemi.
Nell'attesa di una vostra risposta, vi ringrazio e colgo l'occasione per porvi i più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
quello che le capita è una delle possibili complicanze di cui non ha colpa lei e nemmeno il suo chirurgo, l'unico nella posizione di poterla curare con cognizione di causa.
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cari signore,
difficile contraddire che l' ha visitata in diretta, posso solo fare conto sulla mioa personale esperienza. A volte succede che l' edema del primo intervento si organizza e se ilprepuzio non è larghetto di suo bisogna fare circoncisone. Non credo che il collega abbia sbagliato, è chirurgia questa, succede. Se tutti i miei guai chirurgici presenti e futuri fossero solo questi ci farei la firma, creda.
[#3] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio molto dott. Cavallini. Che vuol dire che l'edema "si organizza"? Secondo lei il fatto che io abbia ancora i punti dentro può costituire un problema? (non apro il mio pene da quando si è sviluppato l'edema e i punti di sutura del frenulo non erano ancora caduti in quei 15 giorni)
Grazie ancora, cordiali saluti.
Salvo.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
l' edema è siero, che si organizza significa che diventa prima crosta poi tessuto fibroso. Per intanto levi quei punti che poi ne parliamo, che possono essere concausa di quanto accade.
[#5] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Dott. Cavallini, i punti sono proprio all'interno del pene! Sono punti riassorbibili mi ha assicurato il chirurgo, ma se non riesco ad aprire il pene, saranno rimasti all'interno. Dunque una circoncisione è necessaria a questo punto? se l'edema si è organizzato allora non sgonfierà in modo da permettermi di aprire il pene?
Grazie mille per il suo consulto.
Salvo.
[#6] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Ho detto che le cose vanno viste dal vivo, di qua non so se abaia ancora punti o meno. Piùdi tanto non riesco a pronuciarmi. Se il suo chirurgo ha detto così così è, le ho solo spiegato il meccanismo con vcui certe cose avvengono.
[#7] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per il suo consulto dott. Cavallini, è stato molto gentile. Spero allora che non si sia organizzato. Se così fosse e se dunque verrò circonciso le farò sapere come sarà andato l'intervento.
Grazie ancora.
Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
faccia sapere se vuole.