Utente 159XXX
sono un ragazzo di 20 anni assolutamente sano, svolgo una regolare vita sessuale con la mia ragazza. Circa 3 mesi fa al mattino dopo essermi svegliato notai per caso alla base dell'asta del pene sul lato destro una grande macchia scura( ematoma), poichè la sera prima avevo avuto un rapporto con la mia ragazza dedussi che l'ematoma era stato causato da esso e lo curai con delle applicazioni di crema ARNICA che in 4 giorni lo fecero scomparire. Specifico che al momento del rapporto non ho avvertito alcun dolore ne brucione ne altra sgradevole sensazione. Solo dopo essermi accorto per caso di tale ematoma ho notato per i 20 giorni successivi una dolenzia locale minima ma comunque avvertibile, dolenzia che mi infastidiva anche nei rappoorti, ma assolutamente sopportabile. Preoccupato mi reco dal mio urologo che mi visita dicendomi che si è trattato di un piccolo trauma senza conseguenze, mi visita l'asta flaccida dicendomi che i corpi cavernosi sono morbidi e al tatto non presentano problemi, ma per ulteriore scrupolo mi prescrive un ecografia dell'asta che da esito assultamente negativo, non evidenziando lesioni della tunica albuginea ne dei corpi cavernosi.
dalla visita sono trascorsi circa 2 mesi( 3 dal trauma) e la dolenzia è praticamente scomparsa tuttavia mi sono accorto di una leggera incurvamento del mio pene verso sinistra( il trauma lo ebbi alla base e a destra) e sono molto preoccupato...non vorrei si trattasse di I.P.P

che ne pensate??? secondo voi un ecografia come quella fatta da me a pene flaccido è sufficiente a scongiurare tale rischio???
che fare???

attendo risposte.

grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

se questo incurvamento non era presenta prima è possibile fare una correlazione con il sospetto problema traumatico da lei vissuto circa tre mesi fa.

A questo punto però bisogna risentire il suo andrologo e con lui decidere serenamente se conviene fare anche una valutazione ecografica dinamica dei corpi cavernosi del pene.

Alla visita le consiglio di portare comunque delle foto digitali del suo pene in erezione.

Nel frattempo, per avere più informazioni dettagliate su questo tema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/227-pene-curvo-valuta-fa.html.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 159XXX

Iscritto dal 2010
la ringrazio per la celere risposta, in effetti sono sicuro che già prima del trauma il mio pene tendesse un pò vero sinistra ma credo che ora si sia leggermente accentuata tale cosa... inoltre io non ho alcuna placca,rigonfiamento,dolore il che mi farebbe escludere IPP però l'ansia è comunque molta...

e se aspettassi ancora sarebbe un errore?????

grazie.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il mio povero nonno diceva sempre: "meglio avere paura che buscarle!"

Valutare la sua situazione in diretta ed avere la certazza che non c'è nulla di nulla forse è meglio, vista anche la storia che ci ha raccontato.

Un cordiale saluto.