Utente 902XXX
Salve a tutti leggendo fra i vari post di altri utenti per quanto riguarda le malattie paradontali e gengivali, ho trovato la risposta del dottor Pietro Covertino che parlando della malattia paradontale consigliava ad un utente di fare dei prelievi dalle tasche gengivali più profonde per eseguire dei tests batteriologici e conoscere i ceppi batterici.Dicendo inoltre che questi test di cui almeno due, sono in commercio. la mia richiesta è sapere il nome dei test per poterli effetuare sempre se sia possibile eseguirli da me. grazie per eventuali chiarimenti.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La cosa che deve fare invece è quella di farsi visitare da un bravo parodontologo, se ha seri problemi parodontali.
Lasci stare gli esami del fondo della tasca, sono degli strumenti che utilizziamo esclusivamente noi sia per uno studio epidemiologico che per parodontiti batteriche refrattarie ai comuni medicamenti.
Saluti
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente il tutto comunque la porterebbe ad un trattamento parodontale,che prevede in base alla diagnosi di parodontopatia ed alla gravita delle leioni una serie di tratamenti.
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Questo tipo di test (costoso) è completamente inutile.

I dentisti sanno benissimo se ci sono o meno batteri nelle tasche paradontali.
Ma lo scopo della terapia non è sapere quali colonie di batteri più o meno aggressivi le popolano (cosa di cui non ce ne frega nulla), ma di sterilizzarle ed eliminarle, le tasche.
Che dentro ci abiti il batterio Tizio, Caio o Sempronio, per noi non fa differenza.