Utente 275XXX
Buongiorno,
vengo subito al dunque, esponendovi il mio problema. Ho sempre sofferto di eiaculazione precoce, scarsa sensibilità del glande e difficoltà a fare la “seconda”. Dopo aver esaurito i preliminari, dove non ho grossi problemi nel controllarmi (compresi i rapporti orali), al momento della penetrazione, non riesco a controllarmi e a ritardare l’eiaculazione che avviene nel giro di un minuto massimo due. Appena avvenuta l’eiaculazione, perdo subito l’erezione, e ho difficoltà a riprendermi anche dopo un lungo riposo, tant’è vero che raramente riesco a fare sesso una seconda volta. Aggiungo anche il fatto che durante la penetrazione non riesco a sentire niente. Ultimamente, ho deciso di rivolgermi ad uno specialista della mia città, così mi sono recato da un andrologo. Dopo una breve visita e chiacchierata, mi ha prescritto le compresse di Zoloft. Ho iniziato con una pastiglia da 50 gr al giorno, ma non avendo nessun risultato tangibile, sono arrivato, sempre dietro consiglio medico, alla dose di 100 gr. Giornalieri. Non avendo ottenuto nessun risultato, ho gradualmente smesso di assumere il farmaco, e devo dire con mio rammarico che se le cose sono peggiorate. Nel periodo in cui non ho assunto il farmaco, l’eiaculazione il più delle volte avveniva durante i preliminari, cosicché sempre dopo un ulteriore consulto medico, ho iniziato nuovamente ad assumere lo Zoloft. Il risultato è che ora prendo un farmaco che mi consente di ottenere gli stessi risultati che avevo prima di assumerlo. Io invece gradirei risolvere il problema. Cosa mi consigliate? Ci sono farmaci alternativi? Esistono altre terapie alternative?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
13785

Cancellato nel 2013
gentile lettore,
quello che posso consigliarle è di rivolgersi ad un valido sessuologo che può approfondire e aiutare a conoscere l'origine del suo disagio.
distinti saluti
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Signore,concordo sulla opportunità di rivolgersi ad un Sessuologo,ma Le ricordo che é prossima l'uscita in commercio del primo prodotto farmacologico con indicazione specifica per l'eiaculazione precoce.Magari non sarà la panacea,ma certamente eviterà la dannosa abitudine di ripetere il coito una seconda volta,nella certezza che il primo sia "inutilmente" breve.Si ricordi che la prostata,deputata alla produzione del 40% dello sperma,certamente nel tempo risentirà di questo errato,ma per Lei indispensabile,approccio.
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo
[#3] dopo  
Utente 275XXX

Iscritto dal 2007
Vi ringrazio per i consigli.
Avevo pensato già da tempo di rivolgermi ad un sessuologo, ma qui a Cagliari e dintorni (dove risiedo), non sono riuscito a trovare nessuno. Conoscete per caso il nome di un professionista che esercita da queste parti, o potete indicarmi un sito internet che può aiutarmi a trovarlo?
Se il dott. Izzo potesse fornirmi il nome del farmaco, potrei parlarne con l'andrologo o il mio medico di famiglia, per verificarne la possibilità di assunzione.
Un ultima cosa: mi è stato consigliato di provare l'agopuntura, o una cura con i fiori di bach. Credete che sia opportuno provare queste alternative?
Grazie.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Caro Utente,il farmaco non é in commercio (ancora per qualche mese) e la molecola farmacologica é la Dapoxetina.Per la medicina non convenzionale non Le saprei rispondere ma male non farà.Attenzione a non medicalizzare il coito...
Cordiali saluti
Dr. Pierluigi Izzo