Utente 164XXX
Ho avuto un rapporto sessuale, protetto, ma non dall'inizio, e rapporti orali, con una donna che ha scoperto poi di avere avuto, in quel momento, ureaplasma urealyticum. Aveva già concluso, da pochi giorni, in attesa degli esiti del tampone, una cura antibiotica di azitrocin. La malattia si trasmette con la stessa incidenza per l'uomo e per la donna? è certo che ne sia affetto pure io? cosa rischio? devo iniziare la sua stessa cura o attendere dei sintomi? sono un uomo sposato e non voglio creare imbarazzi in famiglia. Cosa mi consiglia?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
direi che le possibilità di contagio venereo nel suo caso sono pari a zero:
1) la signora ha appena concluso terapioa antibiotica efficace,
2) servono comunque elevate cariche batteriche e/o contatti ripetuti per contrarre la malattia.
Francamente non farei nulla, e starei tranquillissimo.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

dalla sua descrizione non mi appare chiaro se la scoperta dell'Ureaplasma è stata successiva alla terapia antibiotica o antecedente.
Nel dubbio, una semplice terapia con antibiotico analogo potrebbe tranquillizzarla,rispetto a possibili trasmissioni familiari, ne parli con il medico di famiglia per la prescrizione
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 164XXX

Iscritto dal 2010
La scoperta è stata successiva alla cura antibiotica.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
tranquillo, Nssun rischio così, al massimissimo deòllo scrupolo l' idea del Dr. Diego pozza è buona.