Utente 165XXX
Buongiorno,
avrei bisogno di una conferma:
ho letto online che per assumere un dosaggio differente da quello della pillola acquistata da 20mg, c'è chi spezza la pillola in 2 parti o addirittura in 4.
secondo me questa pratica non è molto corretta.
cosa ne pensate? si può decidere di fare davvero così per risparmiare sul costo del medicinale?

grazie
cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore, quei medicinali sono fatti apposta affinche la spezzatura della pastiglia di campioni assolutanmente non omogenei, per di più il dosaggoio del farmaco spetta al collega che la segue sulla basa delle evidenze clineche e strumentali sue.
[#2] dopo  
Utente 165XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore, non le nascondo che questa risposta mi sorprende molto. Intende che levitra si può spezzare?
Il mio medico (come il farmacista) mi ha specificato che la pastiglia non va assololutamente spezzata e me l'ha ripetuto più volte, per essere certo che non lo facessi. Per questo sono un po' sorpreso. Leggendo qua e là, ho visto che alcuni lo fanno comunque, ma è spesso sconsigliato. Il farmacista mi ha detto che chi lo fa, vuole risparmiare, ma cheblo fa nel modo peggiore. So per esperienza che esistono anche dosaggi bassi a prezzo davvero popolare, intorno ai 13 euro credo, può essere una soluzione questa invece della spezZatura?
Grazie del tempo
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Credo di essermi spegato male
le ho detto che spezzandola non ottiene pezzi con dentro la quantità che si aspetta di farmaco, poichè o la distribuzione del farmaco non è omogenea nella pastiglia ovvero la apstiglia si sbriciola. Pertamnto non va spezzata. Come detto da medico e farmacista. Quanto ai prezzi popolari mal ne incolse il decreyto Bindi del 1999 che tolse las mutuabilità a tutti i farmaci non considerati salvavita, come questi.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
dosaggio e spezzatura a parte, il farmaco, così come gli altri due per il d.e.,sono farmaci sintomatici, non risolutivi del disagio.
Non ci ha parlato di diagnosi, ma solo di terapia, vista la sua giovane età, ha valutato se il suo deficit erettivo è curabile in modo definitivo?
auguri.



www.valeriarandone.it