Utente 169XXX
Gen Le Dottore Vorrei chiedere un parere riguardo ad un taglio che mi sono provocato a fine luglio al 2° dito della mano Dx con Frattura comminuta della testa del secondo metacarpo; Distacco osseo dalla base delia falange· prossimale,sul versante radiale e taglio del tendine flessore.
Ho tenuto una stecca immbolizzatrice per 30 giorni controllando la ferita settimanalmente presso ambulatorio ospedaliero ora da da ~ 15 giorni ho rimosso il tutto la ferita risulta rimarginata (avevavo applicato~ 20 punti) ma con un'evidente cittatrice molto sensibile al tatto; stò curando la ciccatrice con pomata Same Plast gel e massaggiando la parte interessata.
Il dito si muove non completamente nel senso che il movimento nella zona del metacarpo è quasi completo ma l'altra metà del dito(falange)risulta essere ancora indolenzita e priva di flessione. Al momento della rimozione mi è stato consigliato di effettuare degli esercizi utilizzando una pallina in gomma che ho acquistato in farmacia. La mia domanda è riusciro a recuperare il movimento totale dell'Indice in quanto voerrei almeno riuscire a ritornare scrivere. Grazie Saluti Luca Belluno

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La ipersensibilità della cicatrice è abbastanza normale nelle prime settimane. Non è chiaro che trattamento abbia avuto la lesione tendinea e se questa fosse parziale o completa, e nemmeno che tipo di limitazione del movimento sia presente nel dito. Se la flessione è assente occorre valutarne la causa. Il tendine flessore può essere inefficace a causa di aderenze oppure per la sua interruzione. Il movimento può essere impedito in parte per le fratture riportate. Se il problema è dovuto alle aderenze è indispensabile una riabilitazione adeguata e la pallina non basta; se invece si tratta di una interruzione occorre provvedere alla ricostruzione del tendine. Non è possibile decidere a distanza di cosa si tratta. E' necessario che senta il parere di un chirurgo della mano per una attenta valutazione. Non so dove Lei abiti di preciso, ma qui può trovare gli specialisti della Sua Regione (anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società di Chirurgia della mano) http://www.sicm.it/regioni.html?reg=20
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio della sua celere risposta.
Ieri mi sono sottoposto ad una visita ortopedica presso l'ospedale di Agordo dal Dr.Costa che mi ha consigliato nel caso in cui non riuscissi a recuperare nel giro di ~ 1 mese la flessione anche parziale IFD di effettuare una revisione chirurgica per liberare il tendine da eventuali aderenze !
Grazie - Cordiali Saluti Luca Belluno