Utente 169XXX
Salve a tutti, sono un ragazzo di 20 anni e volevo se possibile ricevere da voi pareri/consigli. Devo precisare che a me la FA non è stata mai diagnosticata. Circa 3 anni fa ho iniziato ad avere alcuni episodi che rientrano perfettamente nella sintomatologia della FA: improvvisamente mi venivano tachicardia, palpitazioni, capogiri, sudorazione, sensazione di svenimento. Solitamente mi duravano dalla mezzora all'ora o raramente di più e mi sono sempre passati autonomamente o con una dormita lasciandomi però una sensazione di debolezza nei giorni successivi. Questi episodi mi sono proseguiti fino ad ora con periodi, come questo, in cui non ne ho pressochè mai, mentre altri in cui me ne capita uno a settimana. Gli episodi sono vari, molti mi capitano dopo uno sforzo fisico e per esempio mi rimane la tachicardia per mezzora, una volta per esempio ero in piscina con gli amici ed abbiamo improvvisato una gara, e quando sono uscito dalla vasca mi è iniziata una tachicardia fortissima e stavo per svenire quasi. Altre volte ho solo un episodio che dura meno di 10 secondi con una palpitazione, o un extrasistole che scompare subito e che tutti i medici mi hanno detto essere normalissimo, altre ancora all'improvviso anche mentre sono fermo. Ultimamente ho anche episodi di dispnea con mancanza d'aria in cui però non mi sembra di percepire accelerazione cardiaca.
Comunque in tutto questo caos sono stato visitato da 3 cardiologi diversi ma nessuno ha mai neppure nominato la FA nonostante le mie descrizioni dettagliate della sintomatologia! Perchè? Tutti hanno preferito farmi fare diversi esami concludendo tutti con un "Sei sano è tutto a posto" ma nessuno ha mai saputo allora dirmi il perchè di quegli episodi. Ho fatto diversi ecg, un ecg sottosforzo, un eco al cuore, eco addome e pure l'holter e gli esami del sangue. Tutto perfetto. Purtroppo nè l'holter ne gli ecg mi hanno mai beccato durante le tachicardie. L'ultimo cardiologo, che ha avuto sottomano tutti gli esami, dice che la mia tachicardia dopo lo sforzo è normale dovuta al fatto che non faccio attività da molto, ma una simile tachicardia può essere così forte da farmi quasi svenire? Mentre riguardo agli altri episodi il cardiologo e pure la pneumologa che mi hanno visitato sono giunti all'ipotesi che i miei siano attacchi di panico. Ma tuttavia leggendo della FA, ho scoperto che moltissimi altri avevano ricevuto le mie stesse diagnosi (panico, scarso allenamento ecc.) e magari solo dopo 10-20 anni o dopo attacchi/ictus ecc. hanno scoperto qual'era il vero problema. Dunque non potrebbe essere FA? Sono preoccupato soprattutto perchè mio nonno materno soffriva di gravi problemi cardiovascolari che l'hanno portato alla morte, e pure mia mamma spesso si scoagula col sintrom poiche è predisposta alle trombosi appunto per il nonno. In ogni caso io ammetto di essere ansiogeno, e riconosco di avere a volte problemi di digestione (spesso mi vengono anche leggere extrasistole dopo un pasto)...ma come fidarmi?!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi, il fatto che tre colleghi cardiologi l abbiano già valutato deve tranquillizzarla. Non ha mai citato la poliuria nei suoi sintomi, cioè l emissione di urine abbondanti e molto chiare alla fine delle crisi che è presente nelle crisi di f.a. Parossistiche. Se pero volesse tranquillizzarsi, perché la sento molto agitato, può eseguire un esame banale che è un Holter " a richiesta" comunemente chiamato cardi o- bip, un apparecchiato piccolo che le viene affidato per qualche giorno e che lei applica da solo in caso della comparsa di sintomatologia. Questo serve in caso di palpitazioni che non compaiono quotidianamente. Ma in ogni caso la tranquillizzo dal punto di vista cardiologico. È molto probabile che lei abbia attacchi di panico, il che non è sminuire il suo star male, ma dare un nome ai suoi disturbi. Cordialità. Cecchini
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore,
la ringrazio innanzitutto per l'attenzione.
Diciamo che fino a qulahce giorno fa ero molto tranquillo perchè tutti gli esiti erano negativi, ma poi leggendo molte (ma davvero molte) testimonianze su un forum di FA di persone affette da FA a cui, come a me, tutti gli esami erano risultati negativi e a cui, sempre come a me, era stato detto "è lo stress, sono attacchi di panico, è la scarsa attività ecc,." ci sono rimasto abbastanza male e sono tornato a preoccuparmi...poi insomma adesso sto per trasferirmi in un appartamento da solo per studiare quindi cioè per questo sono così preoccupato!

In ogni caso entro 2 mesi la pneumologa vuole rivedermi per andare a fondo di quei casi di dispnea, per ora mi ha prescritto di provare a utilizzare il ventolin nel caso mi vengono per verificare se effetivamente miglioro oppure se no vuol dire che è solo una causa psicologica...in quell'occasione parlerò col cardiologo eventualmente anche del cardi-o bip come mi ha consigliato lei che mi sembra molto interessante! La ringrazio...mi scusi per l'agitazione...ma sa non è facile magari essere in giro con gli amici e iniziare così senza motivo a stare male e poi andare dal medico e scoprire che apparanetemente non ho nulla!!
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Vede, Lei psicologicamente è una persona che se ha una banale febbre, indagando su Internet scopre che la febbre è spesso presente nei tumori, e ne deduce quindi che non è una banale virosi che l ha colpita, ma checche' ne dicano i medici, sicuramente è un tumore ( ovviamente inoperabile incurabile e..maligno.
[#4] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Dottore, posso solo dire: lei ha ragione. Si, sono fatto così mi preoccupo eccessivamente e ossessivamente della mia salute e neppure capisco il perchè. Ha fatto un esempio perfetto di come mi comporto io...è solo che il dubbio mi rimane sempre in testa e non posso fare a meno di agire così!
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Consulti uno psicologo per questo. Coraggio, che non Mino che lei abbia alcuna patologia. Cordialità. Cecchini
www.cecchinicuore.org
[#6] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Dottore, in che senso "Mino"? In ogni caso il problema è che quando mi compaiono i sintomi io non è che me li sogno! Li sento davvero! Le extrasistole le sento e anche bene! Allo stesso modo la tachicardia, o il dolore toracico! Una volta mi si è completamente appannata la vista e stavo collassando! Cavolo...il punto è questo! Io accetto che mi dicano che siano attacchi di panico ma fino a questo livllo?
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi...Mino era un errore di battitura a causa del riconoscimento delle parole del computer. Mi scusi per questo. Poi ascolti, il definire attacchi di panico una serie di sintomi NON è sottostimare il suo star male ma dare un nome al suo problema. Sarebbe come dire ad una persona : guardi i suoi dolori sono artrosici e non sono da metastasi ossee. Sono stato chiaro ora? Gli attacchi di panico si psentano nella gran parte dei casi con i suoi sintomi, e pertanto la esorto a chiedere consulenza ad uno psichiatra od uno psicologo che la aiuteranno molto meglio di quanto possa fare un cardiologo. Buona serata. Cecchini
[#8] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Dottore, mi scusi se continuo a insistere probabilmente sarò insopportabile...io sono convinto che gli attacchi di panico ce li abbia ma che si costruiscano su un sintomo iniziale reale. Mi spiego, a volte mi capita che tutto parta da un extrasistole e dopo per lo spavento partono tutti gli altri sintomi, ovviamenten on è sempre così...però a volte...e li mi rendo conto che è il panico e mi calmo subito. Ma prenda questo esempio: un'ora fa stavo mangiando di colpo così all'improvviso mentre parlavo il cuore è impazzito per alcuni secondo sentivo continue extrasistole, battiti che saltavano, vuoti...poi calma...poi ancora ogni tanto anche adesso...questo non è panico! Non ho avuto null'altro! Nè tachicardia, nè giramenti, perchè sono rimasto calmo, ho tentato di acoltare e analizzare cosa stesse capitando...
[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ascolti, potremmo andare avanti a giornate. Metta questo Holter e poi ne riparliamo. Per lo meno paroliamo con dei dati in mano. Cordialità. . Cecchini