Utente 109XXX
Gentili Dottori Vi chiedo cortesemente informazioni su quando e' possibile intervenire chirurgicamente sulle metastasi polmonari.
Mio papa' e' stato operato di lobectomia sup dx nel maggio 2009 per adenocarcinoma T2N0M0 G2 e ai controlli successivi tutto ok tranne lieve versam pleurico in esiti ma al controllo a giugno hanno riscontrato 2 noduli di 0,5 e 1,2 cm sospetti nel lobo inf dx
Al ricontrollo a settembre la tac dice: versamento pleurico bilaterale, piu' a dx, disposto in sede declive, con impegno intrascissurale, in esiti di lobectomia sup omolaterale.
Increm dimensionale delle lesioni secondarienel lobo medio, iperespanso, in sede paramediastinica (0,7 cm) e nel segmento apicale del lobo inf. dx (diam.max 1,4 cm)
Comparsa altra lesione nodulare di analogo significato nel segmento anteriore del lobo inf dx (0,8 cm)
Lieve increm dei linfonodi mediastinici
Invariati i restanti rilievi
Addome e encefalo nulla da segnalare
Ho letto di tutto dalla metastectomia alla tomoterapia al laser NdYAG alla radiochirurgia stereotassica .....
Cosa ne pensate?? sono applicabili....cosa si puo' tentare......
Chiunque se la senta di provarci e valutarlo anche di persona....
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

il quadro descritto è complesso e bisognerebbe valutare in visita le immagini TC per poter dare qualsiasi giudizio su operabilità o viceversa su opzioni alternative o di palliazione dei sintomi.

A mio giudizio vale comunque la pena di sottoporre il caso ad un giudizio clinico.

Rimango a sua disposizione per ogni eventuale necessità o chiarimento.
[#2] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la cortese risposta.
Mi scusi ma nella fretta e agitazione non le ho spiegato che abbiamo parlato con chirurgo toracico che lo aveva operato e ci ha purtroppo detto che secondo lui andrebbe fatta la chemio e ci ha rimandato alla oncologa dove già faceva i controlli periodici.
Purtroppo non ho ben capito i motivi per cui non lo tocca, a giugno ci aveva detto che se proprio fossero stati maligni li avrebbe tolti o bruciati...non ho capito cosa e' cambiato.
Secondo lei ne vale la pena avere altri pareri oppure sto solo cercando vane speranze?
Potrebbero non essere metastasi? Solo dalla tc se ne e' certi?
Domani abbiamo visita oncologa e la informerò sull'esito ....nel caso potrei raggiungerla a Milano non siamo lontani
la ringrazio e mi scuso per la mia poca precisione
grazie
[#3] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

valutare le immagini, l'entità e la natura del versamento pleurico ed il completamento delle indagini con un esame di stadiazione come la PET potrebbero aiutare a definire meglio prognosi e strategia terapeutica.

Non è detto che alla fine non si giunga alle stesse conclusioni del collega che ha già potuto valutare il paziente, ma si tratterebbe comunque di una scelta ponderata e, a quel punto, largamente condivisibile.

La saluto cordialmente.
[#4] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Egr. Dott. l'oncologa stamattina ci ha categoricamente detto che la chirurgia non e' applicabile perche' ormai troppo diffusa la malattia.
Ci ha dato una terapia monochemio con gemcitabina 1-8 x 5 cicli in attesa dei risultati dell'analisi della mutazione del gene EGFR per poi stabilire terapia biologica
Cosa ne pensa?
Ora papa' e' giu di morale e non ha voluto altro consulto ma devo convincerlo anche se c'e' solo 1 possibilita' su 1 milione va tentata no?
La dottoressa ha parlato di linfoadenopatie cosa sono ? (e' la dicitura nel referto del linfonodi lievemente ingrossati?)
La ringrazio Ele
[#5] dopo  
Dr. Paolo Scanagatta
32% attività
16% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

un secondo parere presso un centro oncologico, dove le patologie tumorali vengono trattate e studiate ogni giorno, può essere utile, anche eventualmente per rafforzare l'indicazione all'esecuzione di una chemioterapia.

E'importante non rimanere nell'incertezza di non aver vagliato bene tutte le possibilità terapeutiche.

Rimango a vostra disposizione.
[#6] dopo  
Utente 109XXX

Iscritto dal 2009
Egr. Dottore Le scrivo per aggiornarLa sulla situazione di mio papa' : ha comunque iniziato la terapia l' 11 ottobre e nel frattempo abbiamo effettuato un consulto tramite conoscenti presso l'Humanitas di Rozzano.
Ci hanno fatto eseguire subito una PET il 14 ottobre presso di loro il cui risultato e' il seguente:

Radiofarmaco 18F-FDG 371 MBq
Indagine eseguita 60 min dopo somministra radiofrmaco utilizzando tomografo full-ring dedicato con cristalli LSO in modalita' acquisizione 3D
E' stata eseguita scansione TC per correzione attenuazione, registrazione e fusione con le immagini PET
Sono state ricostruite immagini total-body assiali, coronali, sagittali

Si osserva patologico accumulo del radiofarmaco in corrispondenza delle lesioni nodulari evidenti alle immagini TC al segmento apicale del lobo inf destro, mentre non appaiono caratterizzate da aumentato metabolismo glucidico le lesioni nodulari del segmento anteriore del lobo inf destro e del lobo medio.
Al segmento apicale del lobo inf sinistro, in sede subpleurica, si osserva una alterazione parenchimale lievemente captante il radiofarmaco di verosimile significato flogistico.
E' noto versamento pleurico bilaterale, maggiore a destra che appare captante in corrispondenza dei territori apicali laterali di destra.
Non sono evidenti altre aree di significativa alterazione della distribuzione del radiofarmaco

Ora ci hanno consigliato visto che ormai ha iniziat di finire il secondo ciclo di terapia poi TAC di controllo e se tutto resta invariato pensano o radioterapia mirata (dato che secondo loro il nodulo malato e' solo uno e la captazione del versamento dalle immagini non e' x loro tale da indicare malattia ma lo riferiscono alla precedente operazione)o addirittura toglierlo

Lei cosa ne pensa del risultato della PET e della situazione in generale??
La ringrazio Eleonora