Utente 175XXX
Salve,ultimamente mi sono rivolto ad uno specialista andrologo per problemi legati ad un calo della libido nonche' alla difficolta' di mantenere l'erezione per un tempo sufficiente/soddisfacente quindi mi ha prescritto una serie di esami compresi quelli ormonali:

fsh 1.58 (1.50-12.40)
lh 3.90 (1.70-8.60)
prolattina 3.33 (4.60-21.40)
testosterone 5.71 (2.70-9.60)
shbg 65 (11-52)
testosterone libero (30.5)

risulta bassa la prolattina e alto l'indice di shbg

volevo chiedere se questi valori possano interferire con il mio problema o meno.
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,gli ormoni cvanno interpretati gli uni nei confronti degli altri e non sempre singolarmente.Posso affermare che il Suo equilibrio e' conservato e,quindi,il sintoma riferito,non ha un rapporto con l'assetto ormonale. Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 175XXX

Iscritto dal 2010
grazie per la risposta..volevo chiedere inoltre una delucidazione,durante la visita l'andrologo mi ha accennato che se l'assetto ormonale fosse stato nella norma avremmo dovuto procedere con un ecodoppler penieno con fic e nel frattempo assumere ezerex bustine.

potrei avere chiarimenti sul tipo di esame(e se in qualche modo chiarira' definitivamente se' esiste o meno un problema strutturale-organico)
e per quanto tempo dovrei/sarebbe utile assumere ezerex bustine(lui mi ha detto 1 mese e' un tempo sufficienteaffinche faccia effetto?)
grazie
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...segua i consigli dell'andrologo di riferimento.l'ecocolorcoppler dinamico prevede una microinfusione intracavernosa di prostaglandina E1,un vasodilatatore,che permette lo studio della circolazione peniena.Cordialita'.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
mi associo al Dr.Izzo nella risposta.
Quando si parla di calo del desiderio sessuale, oltre alle indagini ematochimiche da lei già svolte, sarebbe opportuno effettuare una "diagnosi differenziale", per comprendere la reale correlazione con il deficit erettivo o, con altre disfunzioni sessuali pregresse.
Può accadere, a volte, che il calo del desiderio sessuale, sia un "sintomo di copertura", cioè che copra altre condizioni cliniche o di coppia.
Ultimate le indagini andrologiche e ricevuta la diagnosi esatta, il deficit erettivo( che spesso ha etiologia mista), andrebbe trattato con un approccio combinato: farmacologico e psico-sessuologico, al fine di comprendere le cause psico-corporee e di coppia, che hanno fatto da cornice per la comparsa ed il mantenimento della sintomatologia erettiva.
Auguri