Utente 178XXX
Buongiorno, Vi riporto di seguito l'esito RM Addome superiore di mio suocero, anni 65, che ha iniziato a fare dei controlli a causa di un saltuario dolore al petto e del gonfiamento di una gamba:

Nel parenchima epatico sono apprezzabili numerose aree di alterato segnale ipointense in T1 e disomogeneamente iperintense in T2 e dopo Gd, per la presenza di aree di necrosi nel contesto, che coinvolgono sia il lobo destro che soprattutto il sinistro con dimensioni comprese tra 1 e 7 cm circa. Le lesioni descritte risultano conglobate prevalemtemente a livello dell'ilo con qualche via biliare intraepatica inizialmente dilatata. Non si rileva versamento ascitico, minia falda fluida anteriormente. Non evidenti tumefazioni a livello dell'istmo pancreatico; il pancreas presentaregolare morfologiasenza dilatazione del dotto di Wirsung. Il colon risulta dilatato e ripieno d'ari aper la recente colonscopia. Per quanto visualizzabile con l'esame sembra rivelarsi un minomo ispessimento delle pareti a livello del colon ascendente.
Piccoli linfonodi(dimensioni<1cm) in sede mesenterica e al livello del tripode celiaco. Nella norma milza e surreni e reni (alcune cisti parapieliche a sinistra). Non ectasia vie escretrici.

Volevo chiedere (se pure approssimativamente) qual'è la gravità della situazione (nella mia ignoranza in materia mi sembra piuttosto grave)e che tipo di terapia suggerireste (resezione epatica o altro?). Mio padre di 65 anni è morto l'anno scorso nell'arco di pochi mesi, tra atroci sofferenze, di tumore al fegato, aggravato repentinamente dopo l'operazione di resezione, non vorremmo compiere lo stesso errore. In altre parole se l'aspettativa di vita è breve vorremmo perlomeno che fosse dignitosa.. infine vi chiedo: mi hanno parlato di immunoterapia può essere di aiuto?
Grazie infinite per il Vs parere.
[#1] dopo  
Dr. Carlo Pastore
36% attività
12% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,

innanzitutto occorre tipizzare mediante biopsia la malattia per verificare l'istologia. Poi eseguirei una TC total body con mdc ed una scintigrafia ossea total body. In linea di massima un trattamento di combinazione chemioterapia ed ipertermia appare indicato.

un caro saluto
[#2] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dott. Pastore,
La ringrazio molto per il Suo prezioso consulto. Venerdì abbiamo ritirato il risultato della biopsia e si parla di tumore del fegato e delle vie biliari. Non ci dovrebbero essere problemi alle ossa o in altri organi per il momento.
Avevo sentito parlare in TV di ipertermia ed è una terapia che incontra il nostro favore, Le volevo però chiedere una ulteriore considerazione. Mio suocero è terrorizzato dalla malattia e ha ancora un suo precario equilibrio che sono certa verrebbe buttato giù dalla chemio. In base alle Sue conoscenze la chemio in questo tipo di paziente allunga effettivamente la sopravvivenza o la differenza con chi non la effettua è minima?
Grazie infinitamente di nuovo.
Saluti