Login | Registrati | Recupera password
0/0

Lesione espansiva vegetante vescica

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2010

    Lesione espansiva vegetante vescica

    A un mio caro, a seguito diversi episodi di ematuria, è stata fatta una tac con mezzo di contrasto, questo l'esito:

    A CARICO DELLA PARETE POSTERO-LATERALE SN DELLA VESCICA IN PROSSIMITA' DEL MEATO URETRALE OMOLATERALE, SI SEGNALA LA PRESENZA DI UNA LESIONE ESPANSIVA VEGETANTE, DI CIRCA 2X1 CM, DI DENSITA' IN PARTE ANCHE ADIPOSA, CALCIFICAZIONE NEL CONTESTO CHE MOSTRA ENHANCEMENT DOPO MDC EV IN FASE PORTALE DA APPROFONDIRE CON ESAME BIOPTICO.
    MINUTA IMMAGINE IPODENSA AL II SEGMENTO EPATICO DI CIRCA 2 MM LE CUI DIMENSIONI NON CONSENTONO UN' ADEGUATA VALUTAZIONE DI NATURA.
    FORMAZIONI CISTICHE RENALI, LA MAGGIORE A SN DI CIRCA 2,4 CM AL POLO INFERIORE.
    NON ALTERAZIONI TOMODENSITOMETRICHE A CARICO DI MILZA, PANCREAS, SURRENI.
    PROSTATA DI DIMENSIONI REGOLARI CON CALCIFICAZIONI PERIURETRALI COME PER ESITO DI FLOGOSI.
    ADENOPATIE ILIACHE ESTERNE DI CIRCA 2,4 CM A DX E DI 1,5 CM, INGUINALI DI CIRCA 3 CM.
    PRESENZA DI ALCUNE AREE DI SCLEROSI OSEE IN SEDE ILIACA DX ED L1.

    Ora dovrà sottoporsi a una resezione della lesione, che verrà poi sottoposta ad analisi.
    Mi devo preoccupare in base all'esito della tac, l'immagine ipodensa nel fegato può essere collegata alla lesione della vescica? e le adenopatie? e le aree di sclerosi ossee in sede iliaca?
    Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto molto cordialmente




  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 716 Medico specialista in: Andrologia
    Chirurgia generale
    Endocrinologia
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Urologia

    Risponde dal
    2000
    caro lettore,

    la presenza di una formazione vegetante in sede vescicale deve indurre alla sua asportazione endoscopica con valutazione istologica della formazione e della sua base di impianto.
    Gli altri dati non sembrerebbero suggestivi di correlazione con tale formazione ma , comunque, è fondamentale la sua definizione istologica prima di poter esprimere pareri attendibili
    cari saluti


    Dott. Diego Pozza
    www.andrologia.lazio.it
    www.andrologiaroma.net

  3. #3
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2010
    Gentilissimo Dottor Pozza,

    la ringrazio immensamente per la celerità della sua risposta.
    Non appena avremo l'esito dell'istologico scriverò per avere un suo ulteriore parere.

    Cordiali saluti





Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 22/10/2010, 15:54
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16/10/2010, 11:42
  3. Cosa faccio adesso ?
    in Urologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17/11/2010, 15:14
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 20/09/2010, 20:26
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 25/11/2010, 13:06
ultima modifica:  17/11/2014 - 0,06        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896