Utente 122XXX
Salve.
Sono una ragazza di 20 anni e da circa un anno soffro di attacchi di tachicardia.
Tutto iniziò da un attacco di panico che avvenne due anni fa. Io sono fondamentalmente un soggetto abbastanza ansioso ma prima di quell'episodio non avevo mai avuto delle tachicardie frequenti se non qualche episodio sporadico (forse una o due volte in tutta la vita).
Dopo quell'attacco affrontai un forte periodo di ansia che ora fortunatamente si è notevolmente affievolito, purtroppo persistono gli attacchi di tachicardia.
Sento una sorta di "tuffo" e dopo questo il cuore parte all'impazzata, all'improvviso va velocissimo e all'improvviso ritorna normale. La cosa assurda è che questi attacchi arrivano esattamente una volta al mese, un pò come un ciclo mestruale (anzi ho notato che alcuni mesi arrivano qualche giorno prima del ciclo, altri mesi durante, altri mesi ancora qualche giorno dopo). Non c'è via di scampo, una volta al mese arriva la tachicardia, mi lascia tranquilla per circa 25 giorni, e poi torna nuovamente. Va avanti così da un anno.
Nel corso del mese ho anche qualche episodio di extrasistole. Alcuni giorni una dopo l'altra, altri soltanto qualche colpo sporadico durante la giornata.
Insomma dottori, non so come comportarmi, cosa fare, vorrei semplicemente capire cosa scatena tutto ciò.
Ho fatto ogni controllo possibile. Inizialmente durante questi attacchi correvo al pronto soccorso e lì mi dicevano che tutto era dovuto all'ansia, ma com'è possibile? insomma non è come quando si ha un forte spavento. Anche quando sono tranquillamente distesa, con un battito regolare, arriva la tachicardia improvvisamente, anche quando non ci penso.
Durante questi attacchi mi sento stordita, con un peso sullo stomaco, fatico a respirare e ho molta molta paura.
Vorrei solo capire...
ringrazio anticipatamente per la risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Signorina. Per inquadrare meglio i disturbi che lei segnala, occorre che lei esegua un ecocolordoppler cardiaco ed un Holter cardiaco.
Ma si tranquillizzi.
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta immediata.
L'ecocolordoppler lo feci circa un anno e mezzo fa e tutto risultava nella norma. Il cardiologo non ritenne indispensabile fare un Holter (anche se allora non avevo ancora manifestato questa tachicardia continua), così come quando illustrai il problema al mio medico di famiglia e ad altri medici (tra cui gastrointerologo).
Secondo lei orientativamente potrebbe essere qualcosa di grave?
Purtroppo sono un pò ipocondriaca quindi mi spavento facilmente.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Assolutamente no, ma penso potrebbe tranquillizzarla vedere nero su bianco cosa succede al ritmo del suo cuore quando lei manifesta quei disturbi; ecco perche' gliel'ho consigliato.
Stia serena.
cecchini
[#4] dopo  
Utente 122XXX

Iscritto dal 2009
Benissimo, seguirò il suo consiglio allora.
La ringrazio ancora e le auguro un buon lavoro