Utente 182XXX
Salve,
Il coitus interruptus, che comunque alla fine prevede l'eiaculazione, e'una pratica che alla lunga puo' causare impotenza, vuoi direttamente oppure indirettamente, come causa di infiammazione alla prostata (sempre che questa infiammazione possa provocare impotenza)?
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

il coito interrotto viene praticato da milioni di uomini senza che la pratica possa determinare alcuna alterazione dei meccanismi preposti a garantire una adeguata erezione ed eiaculazione.
La prostata non può soffrire da tale pratica. Certo, l'ideale sarebbe di eiaculare tutte le volte in maniera spontanea senza cercare di ritardare il fenomeno, bloccando meccanismi di rilasciamento ed espulsione a livello delle vie seminali, ma il rapporto sessuale è anche fonte di piacere personale e di coppia ed in tal senso non ci sono sostanzialmente controindicazioni a cercare di ritardare la eiaculazione e la conseguente conclusione del coito
cari saluti