Utente 184XXX
Salve sono una ragazza di 24 anni da quattro anni soffro di ansia e attacchi di panico(mi danno noia i posti affolati perchè ho paura di sentirmi male e anche viaggiare mi crea problemi sempre per il solito motivo)e da una gastroscopia mi è stata diagnosticata un ernia iatale da scivolamento. è da quattro anni che seguo una psicoterapia e va un pò meglio, però da un paio di giorni mi vengono dei tuffi al cuore, cioè il cuore mi smette di battere per qualche secondo e poi quando riprende mi rimbomba nel petto e in gola,questo in quattro anni non mi era mai successo anche se quando ho ansia o attacchi di panico ho dolori al petto e mi viene sempre da pensare al mio cuore che non funziona bene.Nel 2007 ho fatto un ecodoples ed è risultato tutto apposto, volevo sapere se come esame a livello cardiaco è completo? e visto che sono passati tre anni ed ho questa senzazione è il caso di approfondire con altri esami o dipende dall'ansia e dall'ernia? premetto che per ogni piccolo dolore mi preoccupo subito e penso sempre al peggio. Ringraziandovi anticipatamente porgo distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
purtroppo sia l'ansia quanto l'ernia jatale sono tra le principali cause scatenanti le cosiddette extrasistoli, ossia battiti anomali, perchè precoci, quasi sempre benigni e autolimitantesi. Utile, comunque, una valutazione della funzionalità tiroidea, e nel caso in cui il fenomeno fosse particolarmente fastidioso e/o ripetitivo, effettui pure un Holter ECG 24h.
Saluti