Utente 403XXX
Gentili dottori,
a seguito di una ricaduta depressiva con ansia dopo che avevo smesso da circa un anno l'efexor 150, sono nuovamente in cura con tale prodotto.
Dopo circa 1 mese di assunzione però nn avevo ancora benefici quindi il mio psichiatra mi ha aumentato la dose a 225 mg.
Volevo sapere il tempo necessario per via che il nuovo dosaggio faccia a pino il proprio effetto e soprattutto è normale che ho sempre preso la dose 150 che per me andava bene e tutto d'un tratto ho dovuto aumentarla perchè su di me nn faceva più l'effetto sperato.

Distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività +52
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

gli effetti terapeutici del farmaco richiedono un minimo di 2 settimane dall'inizio del trattamento.
Si devono poi prendere in considerazione ulteriori 4-6 settimane per la stabilizzazione della sintomatologia.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
[#2] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività +36
16 attualità +16
20 socialità +20
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
concordo pienamente con il parere del collega.
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Claudio Lorenzetti
24% attività +24
0 attualità +0
12 socialità +12
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
l'aumento della dose di un farmaco già in trattamento può richiedere qualche settimana per poterne apprezzare l'esito. Il motivo per cui prima rispondeva ad una dose alla quale ora non risponde più è difficile da spiegare senza conoscere il suo caso nel dettaglio: possono essersi sovrapposte situazioni ambientali più sfavorevoli, può esservi stato un peggioramento di per se del quadro depressivo, può essersi modificato l'assorbimento del farmaco per le più svariate ragioni, o, infine, puo darsi che vi sia stato un fenomeno di tachifilassi, cioè un "adattamento", un assuefazione ad una determinata dose per cui è necessario aumentarla. Quest'ultimo è un fenomeno poittosto raro per gli antidepressivi ma non è impossibile.
Cordiali saluti.

Dr. Claudio Lorenzetti