Utente 429XXX
Vista la mole di lavoro che avete cercherò di essere il più breve possibile ma non so se ci riuscirò...
Per eliminare un disturbo ossessivo compulsivo (perdita capelli) e una depressione crescente, un paio di anni fa iniziai a prendere il sereupin 1 compressa die... Dopo un annetto, nonostante le cure, le cose ripresero ad andare male e lo psichiatra mi prescrisse 1,5 compressa depakin 300 die e 1,5 sereupin die...
A me sembrava che queste cose mi facessero più male che bene e non capivo come mai e, dopo 2 anni, decisi nell'arco di due mesi di smettere per gradi...
Risultato: sono stato bene un mese e ora sono da capo e mi si sono aggiunte delle crisi di ansia notevoli...
Ora vado da uno psicoterapeuta che oltre alla psicoterapia mi ha prescritto 1 compressa di depakin die e 2 compresse die di efexor 37.5 non a rilascio prolungato, 1 la mattina, 1 la sera a cena...
Le prendo da solo una settimana ma ho i battiti del cuore altissimi (100 / 110), tremore alle mani e uno stato di agitazione e tensione permanente... Mi sforzo persino a ridere!!!
Sono intollerante al farmaco o sono solamente i sintomi iniziali? Ho appena sentito lo psichiatra e mi ha detto di sospendere l'efexor e di resistere fino a martedi' (giorno di psicoterapia)...
Intanto oggi mi sono sentito svuotato, senza voglia di vivere e senza molta speranza per il futuro del mio problema... E ho fatto un mare di lacrime perché sono preoccupato per me stesso...
Può darsi che abbia bisogno di un antidepressivo bello forte che mi aiuti a reinnamorarmi della vita? Esiste???
Eppure non mi manca niente di particolare nella mia vita.... Ma non apprezzo più un bel niente...
Non ho più voglia di stare male... Ma sto perdendo le forze e le speranze... Ho solo 25 anni!!!

Grazie in anticipo allo staff...

[#1]  
10161

Cancellato nel 2009
Lei ha chiari segni di ipertiroidismo, attualmente, "ho i battiti del cuore altissimi (100 / 110), tremore alle mani e uno stato di agitazione e tensione permanente... Mi sforzo persino a ridere!!!"; con ogni probabilità, lei perdeva i capelli per una fase di ipotiroidismo.
sarebbe opportuno, eseguire sempre acceratmenti approfonditi, per non cadere sempre nel solito "è tutta colpa della psiche".
Troppo facile dare la colpa sempre e solamente agli atteggiamenti psichici, le indagini vanno sempre svolte con accuratezza.

Saluti Alberto Moschini

moschinialberto@medicitalia.it

alberto.moschini@fastwebnet.it


[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
sono sicuro che l'accuratezza diagnostica del suo Psichiatra di fiducia ha permesso di escludere altre situazioni quali quelle dell'ipertiroidismo.
Le patologie della psiche non sono "colpe" ma "patoloigie"!
E d'altra parte la sintomatolgia da lei descritta è compatibile con una problematica di tipo ansioso-depressiva.
Le consilgio vivamente di attenersi alle prescrizioni avute e martedì possa discutere con lo psichiatra l'eventualità di un aggiustamento o cambio psicofarmacologico.
Cordialmente
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3] dopo  
Utente 429XXX

Ringrazio moltissimo per l'interessamento..
Stasera i battiti sono sugli 80 ed è diminuita la netta sensazione di sconfitta su tutti i fronti quindi mi viene da pensare ad un'intolleranza all' Efexor...
Anche se già d'accordo da qualche giorno con mia madre (lavora in una Asl), farò le specifiche per la tiroide per escludere definitivamente il problema...
C'è chi mi ha già consigliato il Cipralex rivelatosi buon antidepressivo che lavora bene con il Depakin, comunque aspetterò sicuramente martedì..

Personalmente ho il dubbio di avere una fobia sociale radicata, legata alla caduta dei capelli che non mi permette di essere a mio agio nei luoghi pubblici e rende difficile fare anche un sempre dialogo faccia a faccia con un mio amico visto che sento quasi sempre lo ''sforzo dell'espressione'' ed un senso di pesantezza alle sopracciglia...

Essendo stato io sempre un ragazzo ''trascinatore'' del gruppo capirete bene come possa sentirmi adesso che da trascinatore che ero, mi fa fatica anche essere ''trascinato'' in un locale o al nostro ritrovo e spesso evito anche i cosiddetti ''amici da una vita''...

Questa fobia ha forse generato depressione, inadattamento e disturbo bipolare....

L'unica cosa che so è che da anni ormai non sono più a mio agio con me stesso e c'è chi mi dice che i capelli persi sono solo una ''copertura'' di altre sofferenze e chi mi conferma che ho subito un trauma (i capelli) che ha generato una fobia sociale forzata...

Io credo più alla seconda ipotesi... Ma quello che voglio è curarla!

Come sarà questo Cipralex?

Grazie ancora a tutto lo staff...





[#4]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Gentile utente,

il "consiglio" di farmaci deve essere fatto solo da medici che l'abbiano visitata piuttosto che da "sentito dire" o altro.
Il problema del suo trattamento potrebbe essere anche essere semplicemente legato alla formulazione della venlafaxina che a rilascio prolungato da molti meno problemi di effetti collaterali.
Inoltre, sarebbe anche opportuna una unica introduzione al mattino.
Ne riparli con il suo curante.

Cordiali Saluti
Dr. F.S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#5] dopo  
Utente 429XXX

Domani sera ho l'appuntamento...
Conto di farvi sapere perché mi piace sentire diverse ''campane'' come si suol dire e devo ammettere che questo è un sito molto serio e competente, con medici che si preoccupano anche di situazioni da cui non traggono un diretto beneficio monetario, visto che non sono previsti pagamenti per quest'appoggio medico e morale...


E in un'epoca dove esiste solo il DIO DENARO non è poco...

Lo so non è assolutamente una risposta di carattere medico, ma mi sentivo di scriverla.

COMPLIMENTI A TUTTI

[#6]  
10161

Cancellato nel 2009

Egregio, la ringrazio, ci tenga informati.
Saluti Alberto Moschini
moschinialberto@medicitalia.it
alberto.moschini@fastwebnet.it


[#7] dopo  
Utente 429XXX

Sono stato dallo psicoterapeuta e questa è la diagnosi...

Sembro soffrire di un bipolarismo leggero associato a stati di ansia oscillanti con un inizio di depressione a causa dell'impossibilità di vivere ''normalmente'' la vita in quanto la sensazione di non sentirsi a posto ha portato una leggera fobia sociale...

Presi singolarmente i sintomi non sono gravi, in quanto le cose di ogni giorno riesco a farle (ragazza lavoro amici), con sforzo (a volte enorme), ma intanto le faccio!
Presi nell'insieme questi sintomi possono invece creare qualche problema, ragion per cui necessito di una cura....

Depakin Chrono 300 1 compessa die la sera prima di dormire (già la prendo da 2 settimane)

Cipralex 10 mg inizio con mezza compressa die per una settimana per poi passare a 1 da prendere la mattina...

Non riuscendo a sopportare Sereupin 20 mg e Efexor 37,5 ora la sto tentando con il Cipralex 10 mg...

Il mio psicoterapeuta dice che purtroppo gli antidepressivi vanno provati prima di sapere che effetto faranno, perchè la risposta varia clamorosamente da persona a persona...

Cosa ne pensate del Cipralex 10 mg?
Se ho ''rifiutato'' sereupin e efexor ho alte percentuali di rifiuto anche per Cipralex?
E pensate sia corretto prendere il Depakin la sera e il Cipralex la mattina?

Anticipo già che comunque mi atterrò alla prescrizione del mio psicoterapeuta e prima di eventuali modifiche sulla posologia mi rivolgerò direttamente a lui..

Cordialmente vi saluto fiducioso in una vostra risposta.

[#8]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
il cipralex è un ottimo antidepressivo e credo che il medico abbia effettuato un buon intervento sia diagnostico che terapeutico.
Confido che si attenga alle sue indicazioni consapevole che la strada psicofarmacologica è per lei assolutamente indicata e necessaria.
Cordialmente
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com