Utente 185XXX
MIA MADRE 64 ANNI HA SUBITO 3 SETTIMANE FA L'INTERVENTO DI DUODENOCEFALOPANCREASECTOMIA PER UN ADENOMA TUBULO VILLOSO CON DISPLASIA ALTA (BIOPSIA CPRE)ALLA AMPOLLA DI VATER;E' STATA DIMESSA DOPO 2 SETTIMANE CON IL DRENAGGIO IN SITU PER L'INSORGENZA AL 4° GIORNO POSTOPERATORIO DI UNA FISTOLA PANCREATICA,CHE NON TENDE A DIMINUIRE (7ML DIE, DI CONSISTENZA BIANCASTRA, DENSA E PURULENTA). L'ESAME ISTOLOGICO ADESSO HA CONFERMATO IL RISULTATO DELLA BIOPSIA EVIDENZIANDO CHE I LINFONODI ANALIZZATI RISULTANO NEGATIVI. ALLA LUCE DELL'ESAME ISTOLOGICO E DEL DECORSO POST OPERATORIO DESIDEREREI SAPERE SE 1)PER QUANTO RIGUARDA IL TUMORE, MIA MADRE POSSA RITENERSI GUARITA 2)IN ULTIMO, CHE IL LIQUIDO DEL DRENAGGIO DELLA FISTOLA ADESSO SIA PURULENTO, DENSO E BIANCO/GRIGIASTRO (7ML)E CHE MIA MADRE AVVERTA FORTI DOLORI AL MOMENTO DEI PASTI DEBBA ALLARMARCI O ATTENDERE CAUTAMENTE LA PROSSIMA VISITA AMBULATORIALE CHE SI TERRA' IL 16 DICEMBRE. GRAZIE INFINITAMENTE DELL'ATTENZIONE E DELLA PROFESSIONALITA' PIù VOLTE DIMOSTRATAMI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La neoplasia che descrive ha una prognosi relativamente buona e l' intervento ha significato curativo.
la fistola è una evenienza relativamente comune dopo questo intervento, in genere tende a risolversi progressivamente. I colleghi chirurghi ed oncologi che la seguono ovviamente potranno essere piu' precisi a riguardo. Auguri!