Utente 186XXX
salve,ho 30 anni,da cinque anni cerco con mia moglie un figlio.nel 2008 ho effettuato uno spermiogramma nel quale erano presenti dei valori non soddisfacenti,un ecodpler scrotale ha evidenziato un varicocele bilaterale di terzo grado.dopo esser stato sottoposto a un intervento di legatura bilaterale nel febbraio 2009 e successivamente ad agosto 2009 ad un intervento di idrocele causato dal precedente intervento ho rieffettuato lo spermiogramma ed i valori erano dimezzati,quindi peggiorati.tengo a precisare che tra i due interventi ho assunto spergin e fertilex per sei mesi.non riuscendo a generare ancora oggi una gravidanza spontanea ci siamo rivolti al piu' grande specialista italiano in infertilità di coppia dott.antinori il quale dopo aver effettuato uno spermiogramma,mi ha diagnosticato una oligoastenospermia grave e ha detto che l'unica soluzione é l'inseminazione con una sua nuova tecnica.riporto i valori dello spermiogramma effettuato il 15/12/2010.
astinenza 4 giorni
volume 1ml
sp mobili 3.000.000
sp immobili 1.000.000
sp totali 4.000.000
motilita' 75%
progressione 1
forme anomale /
leucociti /
agglutinazioni /
diagnosi grave oligoastenospermia

voglio precisare che il secondo giorno di astinenza ho avuto una lieve perdita di sperma.
vorrei capire se c'e' la possibilita' di migliorare i miei valori in modo tale da evitare l'inseminazione, in piu' volevo chiedere a chi mi posso rivolgere per un consulto andrologico nella provincia di messina.
vi ringrazio anticipatamente e spero vivamente possiate rispondermi perchè il mio umore alla notizia e' crollato pericolosamente.grazie ancora.saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,non ci aggiorna circa gli esami diagnostici che hanno portato alla correzione del varicocele,nonche' sulle deduzioni prognostiche dell'andrologo di riferimento prima dell'intervento (...io penso che operando il varicocele il quadro clinico...),ne',infine,se nella Sua storia clinica compaiano altre patologie andrologiche (traumi,discesa dei testicoli in ritardo etc...)Va da se' che la strada di una PMA sia abbastanza segnata.Ha eseguito esami genetici e di genomica molecolare?Cordialita'.