Utente 179XXX
Pregiatissimi dottori vi scrivo in quanto preoccupato da una problematica che mi afflige da qualche mese. Dopo una transrettale ed esami del sangue e dell'urina mi sono rivolgo ad un urologo, il quale dopo avermi detto che ho delle calcificazioni prostatiche mi ha diagnosticato una prostatite (presumo abatterica considerato che non vi erano valori anomali nelle analisi del sangue, anche se per 10 gg ho preso l'antibiotico). Mi ha prescritto il permixon 1 cps al di per 3 mesi. Lo assumo da circa 1 mese ma i disturbi sono sempre gli stessi: dopo la minzione avverto un senso di calore-bruciore-formicolio che mi porta a dover urinare spesso. Oltre questo ovviamente quando sto seduto i disturbi si accentuano in quanto sento comprimere e ciò provaca necessità urinaria. Cosa mi consigliate? Inoltre un'ultima domanda tali problemi possono portare a problemi di fertilità momentanei o permanenti? Vi chiedo questo in quanto mi sono sposato il 23 settembre e abbiamo provato ad avere dei bambini ma ad oggi nulla, può essere dovuto a questo problema? O non c'entra nulla?
RingraziandoVi anticipatamente cordialmente porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Leonardo Di Gregorio
28% attività
0% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Le consiglio di sottoporsi ad una attenta visita con tutti gli esami del caso e poi dopo aver scongiurato la presenza di una prostatite batterica o abatterica interessarsi del problema infertilità che invece potrebbe essere legato ad altri fattori, in ogni caso nulla di permanente visto che il collega che l'ha visitata lo avrebbe segnalato. Stia tranquillo
[#2] dopo  
Utente 179XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la celere risposta dr. Di Gregorio.
Sono stato visitato da un urologo ed è lui che mi ha dato la cura che sto seguendo. Gli esami che ho fatto sono quelli del sangue legati alla prostata, dell'urina e l'eco transrettale, quali altri esami mi consiglia di fare considerato che il medico che mi ha visitato non mi ha prescritto altro? La domanda che le ponevo in relazione alla fertilità è questa, so bene che sono appena 3 mesi che siamo sposati, volevo però sapere se un problema di prostatite provochi infertilità seppur momentanea o se la prostatite non è legata alla capacità di fecondazione. Le chiedo tutto ciò in quanto per noi avere un bambino è qualcosa di fortemente desiderato.

Grazie in anticipo
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Avere una infiammazione della prostata può comportare un'alterazione di alcuni parametri del liquido semianle , come la motilità e la morfologia.

Ora superato il problema infiammatorio, s elie vuole conoscere la sua reale situazione clinica le consiglio di fare, sempre su consiglio del suo urologo, un esame del liquido seminale.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo problema, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html .

Un cordiale saluto.