Utente 190XXX
Egregio Prof.

Sono un po in ansia dopo aver fatto un ecodoppler penieno.
A seguito di tale esame eseguito con 10mg di farmaco, eseme per altro negativo
per problemi vascolare e placche, a distanza di un ora si e instaurata una erezione possente che si e protratta all incirca 12 ore chiaramente con non poco dolore. Erezione che si e risolta in maniera spontanea dopo appunto 12 ore.

Nessuno mi aveva informato della pericolisita del priapismo oltrre le 4 ore.
In questo momento sono in panico perche anche se non ho dolori al pene, ho l impressione di una certa modificazione morfologica (anche se di fatto era gia leggermente incurvato a dx) e ho paura di aver danneggiato i corpi cavernosi.

Ho eseguito a distanza di una settimana altro ecocolor doppler presso altro professionista, il quale non ha evidenziato nulla di particolare dal punto di vista vaswcolare ed ecografico, ma forse il tenpo intercorso era troppo per l evidenza dell eventuale danno.

La ringraznzio anticipatamente della sua attenzione.
P.S. ho 45 anni

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
in effetti una erezione protratta in maniera continuativa e con carattere di rigidità per 12 ore è a rischio di poter aver indotto danni tissutali al tessuto del pene. Essere "a rischio" non vuol dire che sicuramente vi saranno danni tissutali al pene. Si faccia valutare periodicamente da un Andrologo per controllare l'evoluzione del quadro; ci faccia sapere.
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Ho ripetuto come le dicevo un ecorcolrdoppler 5 giorni senza che il nuovo specialista rilevasse anomalie ) anche se non so se tale e same e corto lasso di tempo siano indicativi per valore danni indotti)

Lei e pensa che lo stesso esame ripetuto a 5 giorni e negativo possa far ben sperare?
Quale e secondo lei l esame piu indicato per analizzare gli eventuali danni da priapismo e dopo quanto deve essere effettuato dall episodio di priapismo?

La ringrazio per la sua pronta risposta
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Direi che a tre mesi dall'episodio si possa avere un quadro pressochè definitivo della situazione.
[#4] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
grazie per la su risposta.

Avendo gia fissatoo un appuntamento con andrologo a questo punto rifare una eco anche bsasle non mettere in evidenza nulla mi pare di capire.

Quale evidenze sintomatiche potrebbero manifestarsi durante questi tre mesi?

Grazie per il suo interessamento.
[#5] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Se il tutto procede bene, nulla; in caso contrario potrebbe presentarsi una difficoltà di erezione.
[#6] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
Purtroppo la ragione delle esame e' l a presenza di DE.
E l esame in oggetto era quello di stabilire eventuali cause vascolari.

Le allego il referto dell esame

Reperti ecodoppler nei limiti di norma.
Bilaterale regolare flussimetria delle arterie cavernose con apporto arterioso presente e quantitativamente sufficiente ed occlussione sinusale completa.


Per avere rapporti sicuramente buoni assumo 10 mg di cialis il cui effetto va anche oltre le 36 ore.

Posso aggiungere che le performance prima e dopo questo evento sono rimaste pressoche uguali.
Senza nessun dolore ne a riposo ne in erezione.

Essendo molto preoccupato e per la mia situazione originale e per il possibile danno creato dal un professionista sicuramente poco professionale.

Essendo passato ormai un mese...quale diagnostiche ho a disposizione per vedere se ci sono anche pur minime necrosi o cicatrici in questo momento?

Grazie per il suo supporto
[#7] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Comprendo quanto mi scrive.
Se non vede nessuna variazione della sua funzione erettile, probabilmente questa volta è stato fortunato. Personalmente darei la priorità al quadro clinico (cioè a come funziona il tutto) rispetto a indagini diagnostiche, il cui risultato, qualunque esso sia, non ha una ricaduta diretta sulla terapia, in un caso come il suo.
[#8] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio ancora una volta dott Pescatori.
Spero proprio che questa volta mi sia andata bene o per la meno la mia situazione non sia peggiorata.
Anche perche' il DE se e valido l esame che mi e stato fatto non sembrerebbe di natura vascolare.

Sono chiaramente preoccupato e arrabbiato con la superficialita con cui il medico ha operato e tengo a sottolineare ero paziente privato, non facendomi firmare nessun consenso informatoe, non facendo la puntura di routine a fine esame e tantomeno avvertirmi di correre al PS dopp 4 ore.

IO vorrei capire quelle che sono al momemto le forme di indagini per esempio RMN o ECO sui miei corpi cavernosi che possano dimostrare (e mi auguro con tutto il cuore che diano esiti negativi) un danno ache pur minimo provocato dalla mancata ossigenazione di tali tessuti.

Quando sono stato a chiedere spegazioni sul perche abbia operato cosi, mi ha trattato con aria di sufficienza dicendomi che il medico e lui e sa cosa fare, malgrado io abbia contestato lui il fatto di lavorarare totalmente fuori linee guida con grave rischio x il paziente e oltretutto senza ricevuta.

Ho intenzione do intraprendere aziomi legali contro costui.
La prego mi aiuti.

Grazie