Utente 192XXX
Buongiorno, ho 26 anni ed oggi mi sono sottoposto alla mia prima visita andrologica.Ho richiesto un consulto perchè durante l'erezione i testicoli tendono a salire fino a lasciare lo scroto, per poi riscendere poco dopo senza problemi.Inoltre i testicoli restano per gran parte della giornata nello scroto,ma molto vicini all'addome,scendendo bene nello scroto "molle" solo la sera ed in alcune occasioni(es caldo o febbre).Non essendo mai stato dall'andrologo volevo anche un controllo al varicocele e in generale un parere sui testicoli:inizio ad avere l'età in cui si pensa che prima o poi sarà ora di mettere su famiglia e mi preoccupo della mia fertilità.Ero molto agitato, perchè temevo di averle tutte io.Temevo che per i disturbi summenzionati avessi anche una ipotrofia testicolare e chissà quali altre patologie. Avevo paura dell'esito della visita e mi vergognavo: per questo l'avevo tanto rimandata!Invece il noto andrologo torinese è stato bravissimo. Mi ha messo a mio agio e quando è iniziata la visita non ho avuto più inibizioni.Addirittura mi ha visitato 2 volte perchè voleva che uscissi senza più dubbi.Dopo qualche minuto di visita al pene ed ai testicoli, ho addirittura avuto un principio di erezione, passata subito, ma non mi ha imbarazzato per niente.Era la cosa più normale.Quindi, prima di chiedere pareri medici sull'esito della visita, vorrei lanciare un appello ai giovani che per timidezza evitano questo tipo di visite: andate dall'andrologo!Questa visita potrebbe evitarvi molti problemi in futuro e vi dico sinceramente che non è poi così traumatica. Considerate che è meglio venire subito a conoscenza di qualsiasi disturbo per poterlo curare in tempo!Per quanto riguarda me, il dottore ha detto che glande, pene e prepuzio sono nella norma. I testicoli sono nella norma per volume e consistenza, così come gli epididimi ed i deferenti. Non presento alcun segno clinico di varicocele (che peraltro sarebbe in antitesi con uno scroto spesso contratto). Mi ha detto che lo scroto tende ad essere un po' retratto (cosa comune tra i giovani sportivi per un gran sviluppo dei muscoli),ma che i testicoli sono ben posizionati e non sono sofferenti.Non ci sono problemi di ritenzione testicolare.Per questo mi ha detto di stare tranquillo e che non necessito di ulteriori accertamenti perchè sarebbe tutto nella norma. A suo dire, avere uno scroto (cito) "un po' retratto" non dovrebbe essere un problema e mi ha detto che, quando il tono muscolare calerà, anche lo scroto si distenderà maggiormente.Sarebbe proprio questo elevato tono muscolare a spingere un po' troppo su i testicoli in alcune circostanze, ma a suo dire ciò non sarebbe un grosso problema e non richiederebbe alcun intervento, nè tantomeno la somministrazione di una terapia farmacologica.Vi trovate concordi?Sono curioso di un vostro parere in merito, ma volevo principalmente raccontare la mia esperienza a chi è tormentato dai dubbi.State sereni,fatevi visitare e l'andrologo vi saprà consigliare.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,accettiamo l'invito a sottoporsi ad una visita andrologica che,mai,presenta risvolti drammatici ed eclatanti...Quanto al Suo caso,credo che vi sia poco da aggiungere alle conclusioni diagnostiche dell'andrologo di riferimento,particolarmente per quanto riguarda il riflesso cremasterico (muscolare) che favorisce la risalita dell'unita' funicolo/testicolo nel canale inguinale.Non resta che attendere l'esito di un esame del liquido seminale,che qualsiesi giovane di 20 anni dovrebbe eseguire,assieme alla visita andrologica.Ci aggiorni in merito.se ritiene.Cordialita'.