Utente 194XXX
Salve, sono un ragazzo di 28 anni e da un anno e mezzo ho rapporti stabili con la mia ragazza di 26. Sono convinto che sia la persona con cui condividerò la mia vita. Abbiamo una buona intesa sessuale, ma io non riesco mai ad avere un orgasmo durante la penetrazione.
Con la masturbazione l'orgasmo lo raggiungo regolarmente, mentre durante un rapporto anche se in situazioni di non stress, cioè a letto, e senza preoccupazioni non riesco. Anche se la desidermo molto.
Vi chiedo cosa possa essere, e cosa dovrei fare.
vi ringrazio dell'attenzione.
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
detta codsì il pi9ùdelle volte tali sintomi sono spesso di origine psicogena (non necessarimanete ansiosa), più raramente habbo origine ormonale. Senra un collega dal vivo per diagnosi e terapia
[#2] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Grazie della tempestiva risposta, ma vorrei capire la differenza tra origine psicogena e ansiosa, che significa?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
l' ansia è un problema psicologico; come le uova fanno parte della frittata.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
caro Ragazzo,
mi associo al DR.cavallini nella risposta.
i meccanismi che regolamentano l'erezione e l'eiaculazione, sono spesso interfacciati da meccanismi psichichi .
L'eiaculazione relazionale, ha altri percorsi del piacere solitario.
Legga , se lo desidera, questo mio articolo, potrebbe trovare qualche spunto di comprensione
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/132/Anorgasmia-maschile
Saluti
[#5] dopo  
Utente 194XXX

Iscritto dal 2011
Grazie Dr.ssa Randone, ho letto e ho trovato molto interessante il suo articolo anche se non mi riconosco molto nel paziente tipo descritto. Certo ho una grande attenzione verso la mia ragazza, che ha meno esperienza di me ma che sta crescendo molto sessualmente, attraverso l'"esercizio". Ma coscientemente mi lascio molto andare, ovviamente non so però cosa mi succede.
Questo problema lo ho da sempre e anche con le mie esperienze precedenti, infatti davo sempre la colpa a rapporti non stabili o di non totale coinvolgimento emozionale.
Che consigli mi può dare?
La ringrazio molto
Saluti
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Le suggerisco una visita andrologica ed una psicoterapia