Utente 664XXX
Salve,
mio figlio Davide di 6 ANNI E AFFETTO DA DERMATITE ATOPICO DIFFUSO AL CORPO

A domicilio:
pr/Zirtec gocce
s/15 gocce al mattino e 15 gocce alla sera per 20 gg

pr/Advantan emulsione cutanea gr 50+ A-derma Exogena Plantule crema
s/2 volte al giorno per 10 giorni poi 1 volta al giorno per 10 giorno

pr/Remove lipid detergente
s/usare per la detersione del corpo

Da rivedere tra 20 gg.

questa e la diagnosi che il dermatologo ha esposto,abbiamo fatto la cura,mio figlio ne soffriva perchè lo si doveva spogliare tutto e quindi provate un pò ad immaginare i pianti poverino,la cura di per se era troppo invasiva abbiamo visto crescere peli dapertutto,la cura eseguita meticolosamente appariva efficace ma abbiamo rinunciato perche' il piccolo ormai nn ne poteva piu' delle troppe creme che era sottoposto e gli effetti si sono visti .Ci sono cure alternative efficaci che non disturbano la pschiche di un bambino di 6 anni?,visto che ormai quando si tratta di mettere le pomate si mette a piangere?.
GRAZIE di cuore a tutti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
Gentile utente

ben comprendiamo il suo stato e quello del piccolo che mal tollera la quotidiana detersione ed idratazione della pelle:

Le dico subito, gentile signora che la prima arma contro la dermatite atopica di qualsiasi genere e tipo ed in ogni età è la corretta detersione e l'idratazione specifica della pelle.

A prescindere quindi dalle novità introdotte in ambito terapeutico sappia che non c'è modo di evitare questi procedimenti.

Per mia esperienza, posso consigliare di rendere questi atti, i più giocosi possibili, poichè nell'immaginario del bambino ogni cosa deve essere un gioco e non una imposizione, atto quest'ultimo che viene naturalmente escluso dal piccolo.

I miei maestri quindi ben dicevano quando asserivano la frase

"quando hai un bambino con dermatite atopica cura..prima la madre".

questo per spiegare due cose:

1. l'ambiente familiare deve essere il più consono possibile alla buona accettazione della patologia (serenità) poichè lo stress psicologico gioca un ruolo decisivo nelle riaccensioni della malattia

2. la madre deve essere ben educata alle disposizioni basilari ed al ruolo del "corollario" da adottare a prescindere dal "farmaco" in senso stretto (detersione, emollienza, ambiente domestico adatto, abbigliamento consono etc)

Cari saluti