Utente 196XXX
buon giorno a Voi
sono dario, ho 50anni e vi scrivo da padova.
purtroppo dopo 20anni esatti stò iniziando ad avvertire dei dolorini anomali proprio dove mi avevano asportato la prima volta nel 1980 e poi recidiva nel '90 , una ciste pilonidale e penso si sia riformata.
Non sono preoccupato per l'intervento, ma per il post-intervento che per me è stato un pò complicato, perchè nell'ultimo intenvento è stata usata la tecnica cosidetta "chiusa" in anestesia totale. (anche nel primo,altri tempi)
Una volta tolti i punti una piccola parte non si è chiusa, per cui altro intervento questa volta in anestesia locale e ferita aperta.
Tempi piuttosto lunghi ma l'incisione si è chiusa quasi completamente.
Dico quasi perchè, la parte finale non voleva proprio saperne, per cui altro intervento in anestesia locale che è dolorosissima, e non sò bene se riesco a spiegarvi cos'hanno fatto, ma hanno tirato il lembo di cute di una parte per suturarlo in un punto un pò più spostato rispetto all'incisione precedente. Diciamo che il risultato estetico non è stato dei migliori,non dovevo certo mettere i mostra il mio lato B, ma il problema era stato risolto anche se il dolore è stato veramente molto. questi tre interventi si sono svolti nell'arco di 5-6 mesi per cui abbastanza ravvicinati
La mie domande sono queste. la prima, anche se non è importante, si può definire ancora recidiva dopo 20anni? per evitare che l'incisione mi crei i problemi di guarigione che si sono presentati nell'ultima volta è preferibile la soluzione aperta o chiusa? nel mio caso, in entrambi gli interventi ho avuto dei problemi, ma qualche caso anomalo può verificarsi.Ci oggi nuove tecniche per diminuire il rischio del il post-operatorio che è accaduto a me? e per ultimo, se mi potete consigliare un chirurgo o un reparto chirurgico più idoneo al mio problema,vicino a padova, perchè è da un pò che fortunatamente non entro in in uno studio simile.
ringraziandovi per la cortesia vi auguro una buona giornata
dario

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Io procederei con ordine.
>>stò iniziando ad avvertire dei dolorini anomali proprio dove mi avevano asportato la prima volta nel 1980 e poi recidiva nel '90 , una ciste pilonidale e penso si sia riformata.>>

Vuol dire che manca ancora una diagnosi e quanto scrive non è sufficiente per porre l sintomatologia in relazione
al "calvario" che ci ha raccontato.

Consulterei almeno il curante per una conferma e poi
mi preoccuperei di chi fidarsi e a chi affidarsi.
[#2] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
grazie dott. Salvo per la sua tempestiva risposta.
mi scuso,ma è vero,non ho scritto che sono stato dal mio medico di base che mi ha consigliato una visita chirurgica per sospetta recidiva. durante la visita mi ha detto che sente un piccola pallina e vede un vecchio punto di sutura arrossato,inoltre non ho scritto che sugli slip qualche giorno fà ho trovato una macchia di liquido della quale non ho capito la sua provenienza.
grazie per la sua eventuale risposta
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Quindi farei la visita chirurgica facendosi consigliare dal suo curante.
[#4] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
buon giorno dott.Salvo
purtroppo le mie domande erano proprio rivolte a questo stato di cose, nel senso che il mio curante mi ha detto di andare all'ospedale e di prenotare una visita chirurgica.Punto. Visto che trovo stupido andare in un ospedale nel quale sò gia che fanno interventi tradizionali(aperta o chiusa), le mie domande erano rivolte proprio ad avitare di andare a fare visite alle quali poi non ci sarà un seguito, e questo non per un preguidizio nei confronti dei chirurghi del posto, ma proprio perchè visto il "calvario", come Lei l'ha definito, mi sarebbe piaciuto sapere se ci fossero alternative. Per esempio, ho sentito parlare di un intervento che si svolge in maniera tradizionale ma che poi al momento della suturazione della ferita viene fatta una plastica inserendo all'interno del tessuto adiposo(mi perdoni se i termini non è corretti). Se questa tecnica non fosse una "bufala" Lei capisce che dopo la mia esperienza non sarebbe male. Un'indicazione autorevole non mi spiacerebbe.
Le assicuro che non voglio sembrarLe polemico, ma spero capisca che dopo aver passato un anno con il mio lato B sempre in mostra, vorrei capire se dopo 20anni qualcosa è cambiato.
Le auguro una buona giornata e una buona settimana
dario