Utente 191XXX
gentili dottori,
vorrei porre alla vostra attenzione un problema che non riguarda me,bensi' una persona molto cara.
Una donna di 48 anni presenta una leggera dilatazione all'aorta addominale.
Il suo cardiologo le ha detto che la dilatazione non e' preoccupante.Non vorrei si peccasse di superficialita',visto che in passato amici di famiglia che hanno avuto lo stesso problema,non sono stati curati a dovere.
Servono controlli piu' approfonditi?Ogni quanto dovrebbe essere monitorata?
Premetto che non e' in sovrappeso e segue un'alimentazione molto povera di grassi, ma da un paio di anni ha ripreso il vizio del fumo.Inoltre diversi anni fa ha scoperto di avere la carotide un po' piu' stretta del normale.
Le due cose possono essere collegate?
Ringrazio tutti anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in assenza di opportune misure sulla reale dilatazione dell'aorta e l'effettivo restringimento carotideo è difficile darle precise indicazioni. In linea generale, il problema vascolare, sebbene in due differenti distretti corporei, potrebbe esser dovuto ad un processo aterosclerotico diffuso, per cui è indicato certamente il controllo annuale ecografico, nonchè quello cardiologico con ecocardiogramma ed eventualmente test da sforzo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 191XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio. Non so darle indicazioni piu' precise perche' non ne sono a conoscenza e non penso che le sappia neanche la persona in questione perche' credo che non le siano state fornite. So solo che e' tachicardica,in passato piu' di ora,e prende diversi farmaci,tra cui betabloccanti ma non so se sta ancora continuando la cura.
Le riferiro' comunque.
Un' ultima cosa.Nel caso in cui si tratti di un probabile processo aterosclerotico,le aspettative di vita come sono?