Utente 181XXX
Buona sera egregio dottore vorrei esporvi il mio problema,sono un ragazzo di 22 anni , e da meta' agosto che ho il glande perennemente infiammato,cioe' presenza di striature e bollicine bianche alla base del glande, di raro si presentano squamazioni.In questo arco di tempo il mio medico curante ( e' un dermatologo) mi ha prescritto le seguenti pomate: gico canesten,desamix effe, micetal lavaggi con acqua e bicarbonato o pevaryl 1% creme idratanti avenoo e scherilan e come ultima spiaggia due pastiglie di Diflucan. A distanza di 2 mesi e mezzo non e' cambiato nulla...Premessa sono tre mesi che non ho rapporti e di raro ho provato a masturbarmi (eiaculazione normale)...cosa devo fare ????????? grazie per l attenzione distinti saluti..Marino

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro ragazzo, in generale tali lesioni possono essere ascritte a varie patologie la cosa migliore è rivolgersi ad un dermatologo esperto di malattie veneree
cordiali saluti
Dott. Giuseppe Quarto
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Concordo pienamente con il Dott. Quarto: leggo che la terapia impostata, nel pieno rispetto del Collega che l'ha visitata e che meglio di noi ha optuto valutare il quadro, ha presunto senza diagnosti strumentale (non si leggono le sintomatologie associate egualmente imoprtanti in questi casi) ed ha ascritto il tutto alla candida, ma dalla lettura del suo caso, non mi sembra che nulla possa far riferimento a tale microrganismo.

La perduratio della sintomatologia, già da sola infatti, deve indurla a riprogrammare la visita specialistica con il Venereologo, l'esperto di cute e mucose genitali.

Carissimi saluti.
Dott. Luigi LAINO
Specialsita Venereologo,
Mlaattie Sessualmente Trasmissibili, ROMA
[#3] dopo  
Utente 181XXX

Iscritto dal 2006
Salve dottori, vi ringrazio per la Vs disponibilita'.
Ho tralasciato una cosa,nel momento in cui sono comparsi i primi problemi al glande mi fu trovato in seguito ad un controllo di routine valori elevati delle alt con valore 159 mentre emocromo tutto nella norma.In seguito a questo valore elevato ho eseguito una visita dall epatologo il quale mi ha fatto eseguire vari controlli di virus come epatite b,c, citomegalovirus e Epstein-Barr.
Tutto negativo tranne al citomegalovirus ( tutto cio in assenza di sintomi di vario genere come febbre dolori malessere generale,era presente solo l infiammazione al glande ) sia l epatologo che il mio medico curante hanno escluso a priori un associazione tra il virus e l infiammazione.Per quanto riguarda il citomegalovirus non eseguito nessuna terapia in quanto ad un successivo controllo delle transimasi ( a distanza di 20 giorni dal primo) alt ast ggt quasi stabilizzati,quindi epatologo ha preferito non somministrarmi nulla e rifare il controlli delle transamisi a meta novembre.
Per quanto rigurda l' infiammazione al glande il medico mi ha prescritto il tampone uretrale..Vi chiedo e' il caso che io lo esegua??Secondo voi ce un associazione tra il virus e l infiammazione??
Inoltre Dr. Luigi Laino io saro' a roma per questo week end mi potrebbe, se lei ritiene necessario indirizzarmi presso un Venereologo che lavora presso l ospedale san andrea ?? In quanto in questo ospedale lavora mia sorella come infermiera...
Grazie ancora per la vs disponibilita'
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
caro ragazzo, normalmente per situazioni del genere non consiglio mai l'utilizzo di creme a base di cortisonici per periodi lunghi perchè alla lunga determinano più problematiche che altro. Mi spiace che pur essendo stato visitato da un dermatologo la sua situazione sia immutata. A questo punto forse è opportuno cambiare "indirizzo" e rivolgersi a qualcun altro, certamente nella sua zona ci saranno altri colleghi dermatologi e perchè no potrebbe consultare anche un urologo per avere un parere specialistico sulla condizione locale al glande.
Per ora non mi sento di darle altri suggerimenti non potendo verificare di persona direttamente la cosa-
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.