Utente 172XXX
Gentili dottori,
vi scrivo per avere un parere sulla mia situazione. Da circa 4 mesi sto attraversando un periodo di stress che si manifesta talvolta con senso di sbandamento quando cammino per strada, senso di oppressione alla gola e tachicardia. Ho fatto vari accertamenti tra cui visita ORL, esame vestibolo cocleare (risultati nella norma), risonanza magnetica encefalo e tronco encefalico in cui è stato evidenziato un probabile microadenoma ipofisario (per questo motivo ho effettuato analisi endocrinologiche per gli ormoni ipofisari, risultati tutti nella norma) e holter cardiaco per la tachiaritmia parossistica. Vi riporto il referto di quest'ultimo esame:

<<Ritmo sinusale stabile a fmv diurna di 104/min e notturna di 72/min.
Non alterazioni patologiche del tratto ST-T.
Non aritmie ventricolari (4 BEV) o sopraventricolari (2 BESV) di rilievo.
Nessuna pausa patologica.
Alcune segnalazioni per "tachicardia" o "stato di agitazione" in occasione di ritmo tachicardico sinusale.>>

Il mio medico ha quindi confermato che molto probabilmente tutti i disturbi sono causati da stress e ansia. Per ridurre la frequenza dei battiti (che talvolta trovo fastidiosa e mi provoca maggiore agitazione) mi ha prescritto mezza pastiglia di bisoprololo sandoz 5mg al giorno e ha detto di fare moto (corsa o nuoto).
Gradirei un vostro parere in merito. Inoltre vorrei sapere se l'assunzione di questo beta bloccante può causare eccessivo abbassamento di pressione, dato che già fisiologicamente ho una pressione tendente al basso.
Vi ringrazio anticipatamente,
distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il beta bloccante, specie quello che le e' stato prescritto ed a quel basso dosaggio non dovrbbe crearle problemi di ipotensione e nel contempo ridurle la sensazione di tachicardia.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org
[#2] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Dott. Cecchini La ringrazio molto per la risposta.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Luciano Pandolfo
16% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 16
Iscritto dal 2010
Nessun problema per il betabloccante sia come tipo che come dosaggio, da assumere per un periodo di tempo limitato. Può farla sentire molto meglio impedendo al cuore di avere frequenze troppo elevate, che creano senzazione di disagio. Molto utile una attività sportiva continuativa (2-3 volte la settimana, che le permetterà di ritornare ad una frequenza cardiaca più fisiologica
[#4] dopo  
Utente 172XXX

Iscritto dal 2010
Ringrazio molto per il consulto anche Lei, dott. Pandolfo. Le auguro un buon lavoro. Cordiali saluti