Utente 198XXX
Buongiorno Dottore,
le scrivo per mio marito che ha subito la frattura della 7 e 9 costa sinistra nel dicembre 2011. Dopo circa 5 mesi il dolore era cessato e aveva riniziato a fare sport. Il dolore si è ripresentato in seguito a una nuotata e in maniera acuta nell'aprile 2010. Da allora ha eseguito diversi trattamenti tra cui mesoteropia, ultrasuoni... ma alleviando solo in parte la sintomatologia dolorosa. Ha eseguito rx costale e scintigrafia che indicano la perfetta saldatura ossea e l'assenza di processi flogistici. ha inoltre eseguito ecografia per le parti muscolari e molli e risonanza magnetica da cui non si è rilevato nulla di particolare. Ci siamo rivolti da diversi specialisti, l'ultimo dei quali dice che potrebbe essere pseudoartrosi. La nostra domanda è questa: con che cosa si potrebbe visualizzare questa? NOn si dovrebbe vedere con una scintigrafia? Non sappiamo piu' bene che fare e a chi rivolgerci. Lui ha ripreso solo parzialmente l'attività fisica. Tutte le attività che prevedono un movimento rotatorio della spalla e del braccio, tipo il nuoto non puo' farle per l'algia. lei crede che si possa fare qualcosa in piu' rispetto a cio' che abbiamo gia' fatto?
Grazie mille per la sua cortese attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Francesco Inzirillo
36% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Purtroppo disturbi del genere dopo fratture non sono rari.
In gran parte dei casi il tempo è la miglior cura.
In assenza di cause sicure l'unica via è la terapia sintomatica con antidolorifici.