Utente 201XXX
Salve dottori,
Da un pò di tempo ho riscontratto poco sotto la mascella sia a destra che a sinistra delle "palline" mobili al tatto. Ora oggi sono andato dal mio medico di famiglia che mi ha visitato toccando la zona, e tranquillizandomi dicendomi che sono solo delle ghiandole un pò ingrossate.Io ho insisto anche con lui per un eventuale ecografia, ma lui mi ha detto che non serviva. Ora io volevo sapere se potevo essere tranquillo sulla sua diagnosi.
Vi ringrazio per le risposte

Valuta ospedale

[#1] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.mo Utente

Il Suo Medico di Medicina Generale, al momento, ha ragione. Se la causa della linfoadenopatia non è nota, di solito si aspetta 4-6 settimane prima di avviare indagini. Inoltre, in quella regione i linfonodi sono molto spesso interessati da processi infiammatori di pertinenza odontostomatologica e pertanto, solitamente, non c'è da preoccuparsi.

Saluti.
[#2] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
Innanzitutto la ringrazio per la sua repentina risposta. Tuttavia mi sono scordato di precisare nella richiesta del mio consulto, che la situazione di queste ghiandole leggermente ingrossate io l'ho notata da un annetto buono, quindi ovviamente da quando si sono gonfiate non si sono mai più risgonfiate!
[#3] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
Dottore pensa quindi che visto che questo gonfiore è già parecchio che lo ho sia più indicato fare un ecografia?

Ovviamente il mio medico ha tastato le "palline" sotto la mascella e mi sono scordato di specificare che oltre che essere mobili al tatto non mi facevano male.

P.S. Possibile che il loro gonfiore sia derivato dalla cervicalgia? Visto che ho scoperto da poco di soffrirne a seguito di una lastra alla colonna cervicale?

Attendo vostre risposte
[#4] dopo  
172248

Cancellato nel 2011
Gent.mo Utente,

Secondo Linee Guida, una linfoadenopatia di origine sconosciuta (che cioè non abbia una causa apparente a valutazione del Medico) che abbia una durata superiore alle 6 settimane (in Italia si usa 4 settimane ma le LG Europee indicherebbero 6), dovrebbe essere gestita con ecografia delle ghiandole e della regione cui i linfonodi appartengono e, se dubbia, si dovrebbe poi procedere a un'agobiopsia dei linfonodi stessi. Immagino che il Suo Medico di Medicina Generale sia a conoscenza di queste Linee Guida.

Non credo che la Sua Linfoadenopatia possa essere legata alla cervicalgia.

Saluti
[#5] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta immediata! Parlerò allora con il mio medico aspettando un mese dalla visita che ho effettuato con lui visto che a questo punto mi sentirei più tranquillo facendo un ecografia.