Utente 202XXX
Buona sera.

Vorrei esporre alla vostra gentile attenzione un problema che mi affligge da un po' ormai! Sono un ragazzo di 18 anni quasi 19 ormai, e da poco mi sono operato per una fimosi, avevo il frenulo troppo corto, e durante un rapporto parzialmente si è lacerato, ma inoltre stavo riscontrando un problema altrettanto grave, cioè cominciavo a raggiungere l'orgasmo troppo velocemente, quindi, documentandomi ho letto che poteva essere il frenulo la causa, per cui ho pensato che con l'operazione avrei preso due piccioni con una fava, ma ora che è guarito (Anche se la cicatrice è ancora un po' spessa e in rilievo, non troppo, ma si sente ed ogni tanto mi fa male, e ora che il problema dell'eiaculazione precoce è più forte, non potrebbe essere una possibile causa?)come già detto il problema è più assillante.
Ho letto ancora, e oltre al frenulo, ci sarebbe anche il glande ipersensibile come causa, ed è su questo che i miei dubbi si rafforzano, dato che durante la penetrazione sento un forte stimolo su quest'ultimo, e a fatica resisto, pochi colpi e, o raggiungo l'orgasmo altrimenti mi devo fermare, ed è estremamente frustrante.
IL preservativo aiuta davvero poco, mi fa guadagnare poche spinte in più, e non penso derivi da un fatto psicologico, di desiderio sessuale ne ho molto, come è giusto che sia a questa età, ma non penso sia la causa, anche se io non sono nè un dottore nè uno psicologo. Vorrei quindi, anche un vostro gentile consulto, oltre a quello che andrò a richiedere all'urologo che mi ha operato.

Grazie del tempo che mi concederete, e grazie della gentilezza, grazie davvero.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

per avere una corretta risposta ai suoi quesiti bisogna sentire in diretta un esperto andrologo e con lui valutare tutte le strategie diagnostiche per capire la causa o le cause del suo problema e poi impostare le terapie da seguire per risolverlo.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo al DR.Beretta nella risposta.
Nell'e.p., le cause non sono mai lineari e semplici, ma fattori psicologici, fattori ambientali, relazionali e tanto altro..., si intersecano con modalità esponenziali.
Se ha piacere, legga questi miei articoli, troverà qualche spunto di riflessione.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/243/Eiaculazione-precoce-quell-incontrollabile-fretta-del-piacere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/581/Eiaculazione-precoce-solitudine-e-sofferenza-di-chi-ne-soffre

Saluti
[#3] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille, leggerò gli articoli che gentilmente mi avete segnalato, cercherò un buon andrologo e se mai vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

Grazie ancora, e scusate il disturbo.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, qui siamo e, se lo desidera, ci invii sue nuove!