Utente 123XXX
Gentil.mo Staff di Medicitalia,
vi leggo con grande piacere e profitto. Ho comunicato in un mio precedente consulto l'inefficacia del trattamento con Aldara di condilomi.
In questo consulto vi chiedo se lo stafilococco, individuato in grande quantità in un tampone alle labbra e alla base del pene, possa provocare effetti di papule (non perlacee) simili ai condilomi. Gentamycin è la crema che mi è stata consigliata dal medico di base, la quale ha già dato buoni risultati alle labbra (le ferite si stanno chiudendo), mentre non posso dire lo stesso dei genitali.
La correlazione fra la prima e la seconda fase da me descritta può risultare complicata, e cerco di riassumerla in breve.
Dopo aver curato i condilomi (o pseudo condilomi) con aldara e crioterapia, ho ricevuto l'esito del PCR (siamo alla fine del 2009), e si diceva: nessun HPV. Da quel momento e con la presenza di due piccoli punti, non si è più fatto nulla.
2. A novembre del 2010 però, in corrispondenza con grande stress affettivo e lavorativo, sono ricomparsi in molti. La dermatologa presso la quale ero in cura ha ricominciato la crioterapia, mi ha prescritto Veregen e ho chiesto di effettuare un secondo PCR che, per cause tecniche e burocratiche, è stato consegnato molto tardi.Anche questo secondo è risultato negativo.
3. Nel frattempo avevo effettuato anche un'operazione con laser e da quel momento sono comparsi molti altri piccoli e medi granuli - alcuni di certo identificabili con i grani di Fordyce, altri più sospetti...- All'operazione è seguita influenza e spossamento per una settimana. Diciamo che è stata molto invasiva. Alcuni degli pseudocondilomi che sono stati debellati in realtà sembravano dei brufoletti ed avevano anche un poco di pus all'interno.
L'urologo presso il quale sono stato operato ha proposto un esame di ricerca di Herpes, Sifilide, HIV. Tutti negativi (perlomeo gli anticorpi "veloci" dell'Herpes).
Il medico di base, vista la mia disperazione, ha effettuato anche un tampone alla ricerca di funghi. Negativo anch'esso. Ai funghi, ma non allo stafilocco.
Mi permetto di disturbarvi per chiedervi quanto segue:
A1- È possibile che lo stafilocco in quantitÀ superiore al normale provochi formazioni simili a quelle dei condilomi alla base del pene? Non vi sono altri disturbi, né alla minzione né di altro tipo.Non ho altri problemi - oltre naturalmente alle difficoltà derivanti da una necessaria astinenza.
A2- E se si, può bastare il Gentamycin o è il caso di assumere qualcosa di "sistemico" e non solo "locale"? (Antibiotici?)
A3- E se si, possono esser contagiose queste formazioni (sebacee? Dermatitiche?)
B- è possibile che, con due PCR negativi, abbia uno qualsiasi dei ceppi di HPV? Cioè è possibile che il laboratorio non ricerchi la presenza di tutti i ceppi, e che quindi questi cui si assommano allegramente gli stafilococchi siano proprio condilomi?

Vi ringrazio anticipatamente
Con cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Lo stafilococco non c'entra nulla con le lesioni benigne che descrive e la gentamicina può non fare nulla allo stafilococco in caso di resistenze specifiche.

La PCR e' una metodica sensibilissima stia sereno.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 123XXX

Iscritto dal 2009
Gent.ma Dr.ssa Suetti,
La ringrazio molto della risposta.
In realtà ammetto che la presenza di stafilococco mi era stata comunicata telefonicamente. Il referto parla di enterocco faecalis sensibile, a quanto ho capito, alla gentamicina. Può centrare tale enterococco con queste lesioni benigne che non sono né condilomi, né herpes, né fungo? (Perché, al di là dell'interesse per la causa prima della cosa, il mi problema come può immaginare il mio problema non è estetico, bensì: sono contagioso?)

Cordialmente

g.