Utente 427XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 22 anni, fidanzato da 4 e vi scrivo per un problema che da un pò mi tormenta ma che ho sempre cercato di evitare convinto che si trattasse di periodi.
Dunque io ho da anni regolari rapporti sessuali con la mia fidanzata, che ancora mi attrae tantissimo e con cui c'è una complicità tale da non provocare in me alcuna ansia,tensione o stress riguardante la sfera sessuale ; tuttavia da sempre, tranne rarissime eccezioni, ho problemi a mantenere l'erezione senza che vi sia una stimolazione manuale da parte mia o sua.
In poche parole, bastava che mi alzassi per prendere il profilattico o ancor peggio basta che inizi la penetrazione, che pian piano l'erezione svanisce e mi tocca ritornare alla stimolazione (ma spesso non vi è più rimedio).
Ovviamente man mano che la cosa accadeva subentrava un pò di mortificazione per cui al problema fisico si aggiungeva quello psicologico, ma anche quando sono tranquillissimo, con la mente sgombra puntualmente..
Aggiungo infine che la cosa accade anche quando mi masturbo, se per un pò smetto di toccarmi (dunque non credo c'entri la mia ragazza), ed è capitato di arrivare all'orgasmo senza erezione.
Chiedo dunque quali potrebbero essere le cause patologiche, se ve ne sono, di questa situazione ed eventualmente se vi sono possibili cure (operazioni o quant'altro) o devo rassegnarmi alla cosa.
Ovviamente so di doverne parlare "dal vivo" con un andrologo ma con un vostro primo parere, una supposizione, mi sentirei più preparato all'incontro, per cui vi chiedo vivamente una risposta.
Ringraziandovi anticipatamente,
Saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
gentile utente le cause di un problema di disfunzione erettile possono essere varie in particolare di tipo vascolare ( il sangue non arriva bene al pene) di tipo ormonale, psicologico o misto, le cure ci sono, solo che è necessaria appunto una visita urologica andrologica.
[#2] dopo  
Utente 427XXX

Iscritto dal 2007
Innanzitutto volevo ringraziarLa per la tempestiva risposta.
In secondo luogo volevo sapere se vi sono delle analisi da eseguire per scovare eventuali problemi organici (immagino ovviamente di si) e se questi sono molto invasivi.
Infine, ho letto che l'eventuale cura più consigliata ed "efficace" (seppur sempre con dei margini) è rappresentata dal viagra (mentre la chirurgia sembra, da ciò che ho letto, non aver raggiunto risultati eccelsi) e volevo chiederLe un parere a riguardo, in quanto mi sono molto spaventato all'eventuale idea (capirà che a 22 anni non è il massimo programmare di dover prendere una pillola pre-rapporto).
Ne approfitto anche per chiederLe, se mi è concesso, se conosce qualche buon urologo nella mia città, Napoli.
Grazie
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
allora di esami ce ne sono tanti da fare e non è detto che necessiti perforza una terapia ad vitam. come urologi andrologi può tranquillamente scegliere tra i colleghi del sito