Utente 845XXX
Sono un ragazzo di 30 anni,negli ultimi due anni a seguito di un episodio in cui persi i sensi in 20 secondi circa dopo aver avvertito gonfiore alla gola e al naso,costrizione al torace,forte cefalea,impossibilità a respirare(come se i muscoli mi si bloccassero),ho svolto numerosi esami con riscontri non molto rilevanti,ma che hanno indotto una dottoressa tra i tanti specialisti che mi hanno visitato a chiedere informazioni ad un immunologo,poichè ritiene che tutti i piccoli segnali possano riferirsi anche ad una malattia dei tessuti connettivi:ad oggi risulta lieve steatosi epatica(e AST 46/ALT 64),lieve splenomegalia(125mm),ispessimento del pericardio all'ECC(probabile esito di pregressa pericardite silente)con ECG bbdx incompleto e trascurabili insufficienze di mitralica e tricuspide(considerato nella norma da cardiologo),2 cisti aracnoidee(asintomatiche all'EEG,probabilmente congenite),e una marcata allergia(leggere reazioni(valori da 1,02 a 7,45ku/l)ad acari ricombinanti t216 bet v2 e t220 bet v4;reazioni più importanti ontano bianco(37ku/l),nocciolo(32,1),artemisifolia(26,9),assenzio(13,9),ricombinanti g205 phl p1(18,4),g215 phl p5b(32,7)e t215 bet v1(28,3);il prick test ha confermato molto di quanto prima ed ha anche rilevato l'allergia all'istamina.Avendo anche avuto valutazioni da neurologi,che non ritengono che abbia delle somatizzazioni se non che lo stress per tutti questi accertamenti mi abbia un pò provato(per questo è stata fatta anche della psicoterapia e sono stati presi dei farmaci che mi hanno indicato come ad effetto sia antiallergico che per sintomi nervosi quali cetirizina e citalopram,senza miglioramenti significativi nei confronti delle crisi più severe),che mi hanno rimandato all'ematologo che già mi segue per un'iperomocisteinemia da omozigosi mthfr(problema di lieve trombofilia genetica risolto da tempo con le cure del caso),il quale mi ha fatto eseguire degli screening ematologici(anti dna,ena,pcr,dosaggio Ig,marker epatite,elettroforesi sieroproteine,ldh,ormoni tiroidei,catecolamine urinarie,reticolociti,emocromo,eta2m,gGT,qpe,egfr,fibrinogeno,pt,ptt,ves,d-dimero,colinesterasi,aptoglobina)tutti nella norma tranne lieve rialzo AST e ALT.Gradirei sapere se è necessario,per escludere altre possibili patologie del caso se potevano essere eseguiti altri esami/markers ematochimici.Inoltre,saprebbe indicarmi se questa sintomatologia,che molti indicano come dovuta all'allergia,sia una mutazione di essa in una forma peggiore tendente alle reazioni anafilattiche?Per esserne certi,sono sufficienti gli esami svolti in merito?La cura con cetirizina non risolve il problema,e l'allergologo mi ha fatto presente che,in quanto soggetto a suo parere non indicato,non eseguirà l'ITS.Rimango in attesa e La ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Sono convinto che l'ITS sia la terapia preventiva e e capace di attenuare e risolvere le problematiche allergiche e se non eseguita è come giocarsi delle possibilità di guarigione.
Certamente lei è un paziente da valutare attentamente e seguire nel tempo. Ho dei pazienti con iperomocisteinemia elevata che fanno immunoterapia senza nessun problema e con eccezionali benefici.
[#2] dopo  
Utente 845XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio della risposta.Ora l'omocisteina è sotto controllo(la cura ha funzionato e a distanza di 3 mesi dal termine di essa non si è più rialzata).I timori per l'ITS erano dovuti al fatto che l'allergologo ha ritenuto il numero degli diversi allergeni da trattare troppo elevato,e che la terapia sarebbe duque così importante da rischiare di indebolirmi il sistema immunitario;inoltre ha fatto domanda scritta al mio curante(che è colui che meglio conosce la mia storia clinica)di accertarsi delle eventuali presenze di malattie che non sono compatibili con l'ITS(autoimmuni,neoplasiche):Lei ritiene che questi esami ematologici da me svolti siano sufficienti per appurare ciò e che l'ITS sia quindi opportuna?Inoltre,che Lei sappia,questo farmaco "SSRI" prescrittomi in passato dal neurologo come utile per provare ad eliminare eventuali componenti psicologiche,ha(come supposto)anche azione antistaminica?Sarei davvero lieto di avere queste delucidazioni.Grazie