Utente 210XXX
Salve!Mio marito,50 anni,ha subìto 12 giorni fa un'appendicectomia laparoscopica d'urgenza a causa di un'appendicite acuta perforata gangrenosa.Dimesso al terzo giorno con terapia antibiotica (AUGMENTIN per 3 gg.),dopo 2 giorni dal termine della terapia e a 9 gg dall'intervento si è presentata febbre a 38,7.Il giorno dopo si è recato in reparto,in cui è stato visitato da un chirurgo e in cui ha eseguito un'ecografia all'addome ("Addome trattabile con Blumberg negativo,raccolta liquida corpuscolata nel Douglas").Prescritta terapia con CIPROXIN 500 mg.x 2 per 10 gg.Oggi siamo a dodici giorni dall'intervento e a 48 h dall'inizio della nuova terapia antibiotica,ma la febbre persiste (38,5-39 gradi)e mio marito è piuttosto debilitato e spossato.Inizio a peoccuparmi...Devo pazientare e aspettare ancora che l'antibiotico faccia effetto o sarebbe meglio presentarci di nuovo all'ospedale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Dieci giorni di terapia sono abbastanza per poter dire se l'antibiotico possa aver fatto il suo lavoro o meno: se la febbre persiste potrebbe essere dunque necessario cambiare terapia, e per questo motivo le consiglierei di accompagnare suo marito di nuovo in Ospedale dove e' stato operato.
Cordiali saluti