Utente 153XXX
Buonasera,
è stato diagnosticato a una persona a me cara, una ragazza dell'età di 30 anni, la sindrome di LES.
Dopo anni di vani tentativi, alla ricerca di una corretta diagnosi per dolori articolari alle gambe e sfoghi della pelle sul viso (entrambi sintomi di entità lieve o comunque tollerabili) la malattia è stata diagnosticata a seguito di analisi del sangue.
In particolare la dottoressa appariva allarmata dal valore della "cardiolipina", molto al di sopra dei limiti.
Dopo 6 mesi dall'inizio della terapia purtroppo, ripetute le analisi, i valori relativi alla cardiolipina non sono mutati.
So che questa malattia non è curabile definitivamente, ma che esiste la possibili di "tamponare" il progredire e vivere una vita normale, pur assumendo quotidianamente farmaci.
Giungo alla domanda: potete consigliarmi alcuni centri d'eccellenza in Italia dove fare una visita specialistica approfondita ed iniziare un percorso di cura?

Vi ringrazio per il supporto!

Cordialmente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non conosco la situazione del sud ma sono sicuro che ci siano specialisti reumatologi o immunologi in grado di curare questa malattia.
A Milano ci sono due centri: policlinico con Profssa Scorza e Ospedale San Raffaele con Prossa Sabbadini.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
la ringrazio per il rapido riscontro.
Purtroppo al sud (terra che amo e che mi appartiene) ho avuto spesso brutte esperienza in ambito sanitario: mi piacerebbe solo sentire un altra campana (come si suol dire) in un centro che sia all'avanguardia a livello nazionale.
Ho sentito parlare di Bologna o Firenze, ora Milano...mi chiedevo se ci fosse un centro "notoriamente" all'avanguardia e ultraspecializzato in questo settore.

Ad esempio come potrebbero esserlo il Gaslini o il Meyer in ambito pediatrico.

Grazie!