Utente 216XXX
Il problema che Vi sottopongo è il seguente: durante una TESE viene valutato il tessuto dall'anatomopatologo per la ricerca di un eventuale CIS del testicolo in quanto l'esame ecografico presenta microcalcificazioni di grado IVc secondo Lenz, inibina B: 198. Nel caso di presenza di CIS l'intervento subito può aver dato luogo a un eventuale insemenzamento? In caso di risposta affermativa quale schema seguire? Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Escluderei questa evenienza essendo un prelievo fatto in condizioni di massima sterilità e con un campione ridottissimo.
E' invece imperativo che lei si sottoponga ad uno stretto controllo urologico nel caso non decida per un intervento a scopo oncologico.
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore ,

non metta il carro davanti ai buoi!

Primo bisogna aspettare la risposta dell'anatomopatologo e poi si rivalutare, se l'esame istologico è positivo, cosa fare con il suo andrologo, l'unico che conosce per bene tutta la sua reale situazione clinica in diretta.

Lasci perdere il pericolo di "insemenzamento" che non ha basi reali, soprattutto se il prelievo è stato fatto in ambiente dedicato ed informato.

Un cordiale saluto.