Utente 511XXX
Gentilissimi Dottori,sono un ragazzo di 32 anni,sono un fumatore da quasi 18 anni,altezza 1.75,e peso di circa 65 kg,ho una relazione stabile da più di tre anni,e con un passato sessuale più che soddisfacente,ma da un anno a questa parte le mie erezioni iniavano ad essere più deboli,in un primo momento non ho dato molta importanza alla cosa ,ma da un paio di mesi la cosa si è aggravata:
le erezioni notturne e mattutine sono via via diminuite,sino quasi a scomparire, e così anche la consistenza delle mie erezioni,sono ancora in grado di avere un rapporto ma con delle evidenti difficoltà,mi capita spesso di perdere l'erezione anche durate il rapporto,sono in cura per problemi di tiroide e prendo l'eutirox da 75 mg la mattina,ho già parlato con il mio medico e ho fatto dietro sua richiesta delle analisi tra le quali il livello di testosterone,che è comunque del tutto nella norma, e adesso dovrei fare un eco-doppler dei vasi spermatici.
cosa mi consigliate? potrebbe essere un problema organico alla mia età?
nell' attesa di una vostra risposta colgo l'occasione per ringraziarvi tutti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
caro signore sulla base di ciò che racconta potrebbe essere finalmente arrivato il momento di fare una visita urologica.
Certamente la malattia tiroidea e il fumo cronico di sigarette hanno una loro influenza negativa sul problema ,così come eventuali altri fattori stressogeni, ma la diminuzione o mancanza di erezioni mattutine e notturne ed il deficit erettile transitorio possono essere spia di una congestione dell'apparato prostato-vescicolare.
Le ribadisco dunque l'utilità di una visita urologica.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#2] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
Caro Dottore, la ringrazio innanzitutto per aver risposto cosi celermente,è certamente un sollievo già sapere che cè qualquno disposto ad ascoltare i tuoi problemi,comunque adesso che mi ci fà pensare ultimamente mi capita di urinare più spesso e ho più difficolta' a trattenerla,puo' essere collegata la cosa?
in ogni caso la prossima settimana avrò l'esito dell' eco-doppler dei vasi spermatici e le farò sapere i risultati.
conosce un buon urologo su catania? devo comunque fare una visita andrologica?
Colgo l'occasione per ringraziarla.
[#3] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
gentisissimi dottori;
ho ricevuto i risultati dell'eco doppler scotale,sembra tutto nella norma,come anche il dosaggio del testosterone,e gradirei tanto sapere il vostro parere in merito al mio problema.


Arteria spermatica bilaterlarmente normale per,calibro decorso e flusso.
Normali le arterie pericapsulare e trans capsulari.
circolo venoso
Destra:
Vena spermatica di calibro, decorso e funsione valvolare nella norma
Plesso pampiniforme di calibro,decorso e funsione valvolare nella norma
Sinistra:
Vena spermatica di calibro lievemente aumentato ma decorso e funsione valvolare nella norma
Plesso pampiniforme di calibro,decorso e funsione valvolare nella norma

TEMPI DI REFLUSSO:
0.0"= NORMALE;0.5-1.0"=REFL.1°GRADO;1.0-1.5"=REFL.2°GRADO;>1.5"=REFL.3°GRADO.
[#4] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
dosaggio ormonale:
testosterone plasmatico 5,39 ng/ml (2,5-10)
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
in ritardo , perchè assente per motivi congressuali, intervengo e le dico subito che non capisco cosa "significa" un ecocolordoppler delle vene spermatiche nella valutazione di un deficit dell'erezione . In questi casi l'esame corretto da fare è un ecocolordoppler dinamico delle arterie del pene. Questa è l'indagine che ci permette di capire se ci sono eventuali problemi vascolari a causare un disturbo erettivo.
Per avere più informazioni dettagliate su questo tipo di tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450.
Comunque a questo punto bisogna consultare un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#6] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
caro dottore,la ringrazio anticipatamente per la sua risposta,ma purtrtoppo in questi casi,la prima cosa che si fa' è di andare dal proprio medico curante per poi essere indirizzato sulla strada giusta,evidentemente non è stato cosi'.comunque ho gia prenotato una visita specialistica da un andrologo-urologo di Catania.
le farò sapere,spero vorrà darmi anche il suo parere.
Cordiali Saluti.
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A questo punto aspettiamo sue nuove.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
caro dott,
forse non avrei dovuto farlo,ho avuto l'occasione di provare una pillola di cialis da 20 mg,e devo notare che ci sono stati dei netti miglioramenti sulla consistenza della mia erezione,anche la mia compagna lo ha notato.a questo punto mi domando puo' ancora essere un problema di prostatite- vescicolare? o un problema vascolare? ed in ogni caso pensa che sia curabile o sono costretto a prendere la pillola per sentirmi un diciottenne?
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
senza una valutazione andrologica diretta, seguita eventualmente da una indagine ecografica a livello del sistema vascolare del pene è difficile darle delle risposte corrette. Se le posso dare un consiglio non si "automedicalizzi" e consulti , senza perdere altro tempo, un esperto andrologo.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#10] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
non c'è dubbio che seguirò senz'altro il suo consiglio,ho già preso un uppuntamento per il prossimo venerdì,comunque di certo la mia intenzione non era quella di automedicarmi,l'intento era di capire se il mio problema è organico,ho letto che il cialis non ha effetto su chi non sffre di DE.quindi se c'è stata una risposta al farmaco,il problema non dovrebbe avere nulla a che fare con la psiche?è di certo un problema organico?
credo che il mio medico abbia sottovalutato la cosa,dicendomi che alla mia età è impossibile avere problemi di DE, e che è solo un fatto di stess,o al massimo un problema di varicocele,ecco il perchè dell' eco doppler scrotale.
comunque la ringrazio nuovamente per il suo interesse e le farò sapere al più presto.
Cordiali saluti.
[#11] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
la risposta al cialis non presuppone una problematica indiscutibilmente organica, tanto è vero che il farmaco stesso è molto efficace nella cura anche dei disturbi con chiara origine "emotiva". In questi casi è opportuno avere una valutazione approfondita dal punto di vista psicosessuologico presso un medico esperto in materia al fine di non creare situazioni di "danno" paradosso legato ad una terapia teoricamente efficace ma non indicata nel caso specifico.
Le consiglio pertanto, accanto ad una valutazione più di tipo urologico, di effettuare una consulenza psicosessuologica presso un Medico che sappia inquadrare sia la genesi del disturbo che l'approccio terapeutico più inidcato (sia esso un approccio biologico, farmacologico in senso stretto, sessuologico, psicoterapeutico, integrato).
Cordialmente
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Concordo con le osservazioni fatte dal collega Garbolino.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#13] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
ho capito il senso della Sua interpretazione dell'effetto positivo della terapia auto-somministrata. Ma in realtà è vero proprio il contrario. Alla Sua età una buona rsiposta al farmaco è un dato che depone favorevolmente sulla integrità anatomo-funzionale del sistema erettivo. Credo che il Collega GARBOLINO abbia centrato il nocciolo del problema.
Ci tenga informati se lo ritiene utile ed opportuno.
Auguri affettuosi per la pronta risoluzione del problema ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO
[#14] dopo  
Utente 511XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio tutti voi per l'attenzione che state dedicando al mio caso,e certamente vi terrò aggiornati sul mio problema e sugli eventuali sviluppi,un cordiale saluto.
[#15] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
attendiamo ulteriori buone notizie.
Affettuosi auguri per un sereno Natale ed un felicissimo Nuovo Anno.
Cordialmente
Prof. Giovanni MARTINO