Utente 513XXX
Salve,
ho 40 anni e Vi chiedo aiuto perchè ultimamente ho avuto problemi sessuali. Fino a qualche tempo fà il problema era solo di eiaculazione precoce ( duravo al massimo 1 o 2 minuti ), ma negli ultimi tempi la situazione è peggiorata e adesso non riesco più ad avere nemmeno un'erezione, nonostante che il desiderio sessuale ad avere rapporti con mia moglie sia sempre altissimo ( e quindi la situazione per me è ancora più mortificante ). Ne ho parlato con il mio medico di famiglia e mi ha consigliato di provare il Viagra, ma io Vi chiedo:

Il Viagra risolve entrambi i problemi o solo quelli legati all'erezione?

Oltre al costo molto alto ho letto gli effetti collaterali del Viagra, che in effetti sono molti e un pò mi spaventano, pensate che prodotti come quelli proposti dalla Ultimate Herbal con il loro Viagra naturale al 100% dal nome HORN, senza effetti collaterali e ad un prezzo pari alla metà del Viagra possa essere una valida alternativa oppure sono solo delle truffe a scapito di ignari pazienti con problemi sessuali?

Vi ringrazio di cuore per le Vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il Viagra é un mezzo per risolvere un fine ed in quest'ottica può essere molto utile nel Suo caso,anche se é palese che il problema principale é certamente l'eiaculazione precoce.Negli ultimissimi tempi molti clinici,me compreso,trovano utile l'impiego "on demand" del viagra nel disagio sessuale legato alla eiaculazione precoce,sempre successivo ad un inquadramento diagnostico.Non credo sia utile ricorrere a sostanze che,millantando effetti "miracolosi",ingenerano confusione in un campo,quello sessuale,che ne é già pregno.Ritengo che,riguardo agli effetti collaterali ed alle controindicazioni,il Suo medico si sia espresso in merito,per cui non darei attenziione al "risparmio",ma,nel dubbio,mi rivolgerei con fiducia ad un andrologo esperto che possa inquadrare correttamente il Suo caso.Cordialità
[#2] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore
Credo che il Viagra possa essere un valido farmaco per affrontare nel suo caso entrambi i problemi, di solito gli effetti collaterali sono blandi e transitori, diffidi di quel prodotto naturale che non ha studi clinici alla base nonostante possa essere allettante per il prezzo ridotto.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
[#3] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio di cuore sia il dott. Izzo sia il Dott. Vicini per le preziose risposte.
Quindi se non ho capito male il Viagra risolverebbe solo i miei problemi di erezione ma non proprio quelli legati all'eiaculazione precoce, giusto?
Se è così, allora cosa posso fare per questo problema? esiste qualche cura?

Grazie ancora per la Vostra grande disponibilità.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
No,caro Utente,il Viagra può essere molto utile anche per l'eiaculazione precoce.Cordialità
[#5] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Nella risposta precedente avevo scritto "entrambi" i problemi cioè sia erezione che eiaculazione cordiali saluti!
[#6] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Grazie ancora per la Vostra gentilezza e disponibilità. Avrei un ultimo consiglio da chiederVi: il mio medico, quando mi ha prescritto il Viagra ( compresse da 50 mg ) mi ha detto che forse era meglio, almeno la prima volta che lo prendevo, non dire niente a mia moglie. Capisco cosa intendeva, anche se io per mia moglie non ho mai nessun segreto, il problema però è che con questo medicinale il rapporto va più o meno programmato prima, e trovo difficile farlo senza che lei ne sia al corrente. Voi cosa ne pensate e cosa mi consigliate? Grazie.
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Concordo con il consiglio del Medico di famiglia in quanto probabilmente la moglie fraintenderebbe le finalità dell'assunzione.E' opinione diffusa ritenere l'azione del viagra come afrodisiaca mentre,nella realtà,é il desiderio del partner verso la moglie che "mette in azione" il viagra,ottimizzando la resa sessuale...In poche parole é Lei che attiva il viagra e non viceversa.Cordialità
[#8] dopo  
Dr. Ciro Iannone
24% attività
0% attualità
12% socialità
AREZZO (AR)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
Gent.mo Lettore ( utente 51355 )
avere eiaculazione precoce e disturbo erettile a 40 anni ( senza malattie organiche vuol dire vivere un rapporto di coppia interpersonale con la partner problematico.
Prima di assumere farmaci forse è il caso di avere un colloquio franco con la moglie sui suoi timori intimi e profondi e quindi parlarne a tre con un SESSUOLOGO, che probabilmente potrà anche consigliarle qualche farmaco più adatto alle sue esigenze ( ce ne sono migliori del viagra per i suoi disturbi ), ma che con consigli comportamentali potrebbe più eticamente aiutarla.
cordiali saluti
[#9] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Gent.mo Dott. Iannone,
La ringrazio per la sua risposta. Perdoni la mia ignoranza, ma cosa intende per "rapporto di coppia interpersonale con la partner problematico"? Sinceramente con mia moglie ho un rapporto splendido, anche nell'intimità, è una donna eccezionale e mi ha sempre capito e aiutato in tutto. Semmai credo che questi due problemi mi possono aver fatto poi insorgere anche l'ansia da prestazione, peggiorando le cose. Quali sono poi le malattie organiche che possono causare le mie disfunzioni? Qualche piccolo problemino di salute ce l'ho, ma da molto tempo, e la disfunzione erettile è cosa molto recente. Quindi Lei ritiene che sia quasi esclusivamente una questione psicologica?
Per miei disturbi, al posto del Viagra, quale farmaco potrebbe essere più efficace? Grazie.

Cordialità
[#10] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Un andrologo esperto é,chiaramente,anche sessuologo e quindi sa come condurre una strategia di coppia in maniera "etica"...Ritengo che consigliare un farmaco "migliore" del viagra sia strategicamente poco utile in quanto rafforzerebbe la medicalizzazione del rapporto sessuale ponendo il paziente ad essere arbitro di un distinguo tra due presidi terapeutici.E' evidente che,se il paziente si fosse recato in prima istanza da un andrologo esperto,probabilmente il percorso strategico sarebbe stato differente ma tant'è.Cordialità
[#11] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Salve,
Vi scrivo di nuovo perchè la situazione è mutata,e per aiutarVi a capire vi devo raccontare un episodio risalente al febbraio scorso. all'epoca infatti ho fatto una cura per una Emospermia, e l'urologo mi curò con Mictasone supposte e Prostamev compresse. Finita la cura era tornato tutto a posto. Ora, dopo circa tre settimane dal manifestarsi della disfunzione erettile, e a distanza di 10 mesi dal primo episodio ho di nuovo sangue nello sperma. Il mio medico di famiglia mi ha detto di prendere di nuovo i due medicinali sopra descritti, e nel frattempo ho preso anche un appuntamento con un andrologo. Visto che però ho l'appuntamento a fine gennaio 2008, ho bisogno di chiederVi qualche consiglio:

1. La disfunzione erettile può essere causata dall'Emospermia?

2. Con questo disturbo, posso provare ad avere rapporti usando il Viagra che mi ha prescritto il mio medico o devo aspettare di essere guarito?

3. Sempre il mio medico oggi mi ha dato anche una confezione da due compresse di Cialis 20 mg, ma quale medicinale è migliore per il mio problema, questo o il Viagra?

4. Riguardo alla cura per l'Emospermia mi ricordo solo che dovevo prendere 1 supposta di Mictasone la sera per 7 giorni, ma non ricordo per quanto tempo dovevo prendere il Prostamev (1 la mattina ed 1 la sera, ma per quanto tempo?). mi potete aiutare? Grazie!

Cordiali saluti
[#12] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
senza una valutazione clinica diretta è impossibile aiutarla dandole delle indicazioni cliniche particolari come da lei richieste. Quello che possiamo dirle è che generalmente non ci sono correlazioni dirette tra l'emospermia e la disfunzione erettile da lei lamentata.
Comunque per avere più informazioni dettagliate su queste tematiche le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

[#13] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Caro Lettore,
a margine di quanto correttamente indicato dai colleghi specialisti mi permetto di suggerirle di chiarire con quanti vorrà consultare la vera causa che è a monte dei suoi problemi ed affrontarla, altrimenti rischierà di incorrere costantemente in una terapia sintomatica e parziale.
Cordialmente, Dr. Leone.
[#14] dopo  
Utente 513XXX

Iscritto dal 2007
Spett.le Dott. Leone,
grazie per la sua risposta. Ho già un appuntamento per fine gennaio con un Andrologo, con cui spero di chiarire tutta la mia situazione. Comunque visto che molto gentilmente il Dott. Beretta mi ha detto che l'Emospermia NON è una causa della disfunzione erettile, mi sa dire Lei qual'é la "vera causa" dei miei problemi? Le sarei grato, perché purtroppo non l'ho ancora capito nemmeno io!!!

Cordiali saluti
[#15] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
48% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Carissimo,
rispondere alla sua domanda significherebbe poter fare diagnosi eziologica (la vera causa) attraverso poche righe di posta elettronica...ne comprenderà evidemente l'impossibilità.
Le funzioni sessuali normali sono il risultato dell'equilibrio di numerosi fattori che solamente lo specialista potrà valutare dopo attento esame clinico.
Le ricordo il mio precedente post.
Cordialmente, Dr. Leone.