Utente 506XXX
Segnalo il mio problema ringraziando fin d'ora per i cortesi pareri

Un paio di mesi or sono (forse dopo aver mangiato un pezzo di cioccolato molto duro, ma non sono sicuro), ho avuto improvvisa sintomatologia dolorosa con sensibilità alla percussione del primo molare in alto a sx e ascesso sopra il dente medesimo (l'ascesso un paio di centimetri sopra al molare, quindi ad altezza corrispondente alla narice sinistra circa)

La sensibilità alla percussione si è poi estesa anche al secondo molare in alto a sinistra, cioè a quello subito dopo

Il primo molare, maggiormente interessato dalla sintomatologia, è devitalizzato da tempo e coperto da corona

Il mio dentista, dopo una radiografia (da cui non sono emersi né granulomi nè fratture alla radice o problemi particolari) , ha detto che c'era infezione batterica sopra il primo molare in alto a sx e ha eseguito uno Scaling and Root Planing (levigatura radicolare), intervento piuttosto doloroso e che non ha dato apprezzabili risultati

Tre giorni dopo lo Scaling ho effettuato un ciclo di sei giorni di Claritromicina, che ha notevolmente attenuato la sintomatologia (sgonfiamento all'altezza del seno mascellare sinistro e diminuizione della sensibilità alla percussione) senza però escluderla completamente

Pochi giorni dopo ho eseguito, su prescrizione del mio stesso dentista, una Tac di tutta l'arcata superiore (Tomografia Dentascan), da cui emerge: “ispessimento mucoso di verosimile natura flogistica in corrispondenza del pavimento di entrambi i seni mascellari, ma in modo nettamente piu marcato a sinistra”

Il mio dentista, vista la Tac, mi dice che c'è un grosso riassorbimento osseo da piorrea al dente 2.6 (cioè il nostro primo molare in alto a sinistra)

Mi propone ancora uno Scaling (che non sono intenzionato a fare, visto il dolore e l'inefficacia della precedente esperienza) e successivamente, in caso di inefficacia dello Scaling, l'estrazione del molare stesso

Ora, io sono assai perplesso, in quanto ho dei dubbi sull'opportunità dell'estrazione di un dente, devitalizzato e coronato, in assenza di motivi specifici (rottura di radice, granulomi, frantumazione, ecc) e solo per il fatto che c'è piorrea; il dente che si vorrebbe estrarre è ben piazzato al suo posto, non dondola, non oscilla

Inoltre, lo stesso dente ha avuto problemi simili già piu volte in passato, e si sono risolti riaprendo i canali, lasciandoli aperti per un po' e poi rifacendo la cura canalare e successivamente rifacendo la corona

Grazie ancora per ogni parere

NB: eventualmente, se ritenuto utile, sono in grado di trasmettere via email le risultanze principali della tac appena fatta, nonché di una precedente panoramica del 2004

[#1] dopo  
Dr. Marco Capozza
40% attività
4% attualità
16% socialità
TRICASE (LE)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente
dalla storia clinica (mi riferisco anche al precedente consulto, se il dente in qiestione è il medesimo)sembra verosimile, come Le ha detto il collega che la segue, che il dente abbia problemi parodontali. Lo scaling con anestesia non provoca generalmente gravi dolori, almeno se non eseguito per urgenza per drenare un ascesso come sembra dalle prime descrizioni. Questo spiegherebbe la necessità di un nuovo intervento.
Se è possibile, può essere vantaggioso tentare di conservare il dente, ma, come giustamente le ha anticipato il collega curante, tenendo sempre in considerazione la possibilità di insuccesso.
Purtroppo è necessario vedere direttamente gli esami Rx e non basta il referto.
Sarei curioso di sapere a cosa si riferiva per oro nel canale e se il discorso di apicectomia si e concluso.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 506XXX

Iscritto dal 2007
>>>>> Risposta al gentilissimo dr. Capozza <<<<<<


Gentile paziente
dalla storia clinica (mi riferisco anche al precedente consulto, se il dente in qiestione è il medesimo)

[NON STO URLANDO, E' X DISTINGUERE LA MIA VOCE DA QUELLA DEI MEDICI]

CONFERMO CHE E' SEMPRE LO STESSO. IN SOSTANZA, E' LA PROSECUZIONE


sembra verosimile, come Le ha detto il collega che la segue, che il dente abbia problemi parodontali.

CONFERMO

Lo scaling con anestesia non provoca generalmente gravi dolori, almeno se non eseguito per urgenza per drenare un ascesso come sembra dalle prime descrizioni.

CONFERMO: IL PRIMO FU DOLOROSO SIA PER IL DRENAGGIO SIA PER INIETTARCI SU DELL'ANTIBIOTICO. INOLTRE NON EBBI ALCUN MIGLIORAMENTO FIN TANTO CHE NON PRESI LA CLARITROMICINA X VIA ORALE

Questo spiegherebbe la necessità di un nuovo intervento.
Se è possibile, può essere vantaggioso tentare di conservare il dente, ma, come giustamente le ha anticipato il collega curante, tenendo sempre in considerazione la possibilità di insuccesso.


ESCLUDO DI RIFARE UNO SCALING, MENTRE SONO ORIENTATO A CHIEDERE UN ALTRO CONSULTO DA UN ALTRO SPECIALISTA

Purtroppo è necessario vedere direttamente gli esami Rx e non basta il referto.


IO POSSO TRASMETTERLI PER EMAIL , IN QUANTO HO TRASFERITO LA PANORAMICA E LA DENTASCAN SUL MIO COMPUTER

E' POSSIBILE TRASMETTERE QUANTO SOPRA ?


Sarei curioso di sapere a cosa si riferiva per oro nel canale

PARE CHE SI RIFERISSE ALLA POSSIBILITA' CHE - SOTTO LA CORONA - I CANALI FOSSERO STATI CHIUSI IN ORO (??) O ALLA POSSIBILITA' CHE IL DENTE AVESSE DENTRO UN PERNO RISTRUTTURANTE (COSA CHE QUASI CERTAMENTE NON E', ME LO RICORDEREI)


e se il discorso di apicectomia si e concluso.


NO, IL DISCORSO APICECTOMIA NON E' ANDATO AVANTI PERCHE' NON C'è GRANULOMA

IN SOSTANZA, PER QUANTO HO CAPITO, SOPRA ALLA PUNTA DI UNA RADICE C'è UN VUOTO ROTONDO. IL DENTE NON BALLA ASSOLUTAMENTE, E' BEN FISSO, PERO ' QUESTO VUOTO , OGNI 8/10 ANNI, HA PRODOTTO UNA PROLIFERAZIONE BATTERICA ALLA PUNTA DELLA RADICE , CHE NELLE VOLTE SCORSE E' STATA SISTEMATA TOGLIENDO LA CORONA E RIAPRENDO I CANALI (CHE FURONO LASCIATI APERTI PER UN PO, E POI RICHIUSI DOPO TERAPIA CANALARE)

INOLTRE, IN QUESTO MOMENTO, DOPO TERAPIA CON CLARITROMICINA E ACCURATA IGIENE ORALE CON SALE, STO PIUTTOSTO BENE

E' LOGICO CHE NON SON CONVINTO DI TOGLIERLO

DOMANDA: QUANDO SI SA CHE IL PROBLEMA E' PARODONTALE, OCCORRE CERCARE UNA DETERMINATA CATEGORIA DI DENTISTI? DENTISTI ESPERTI IN PROBLEMI PARODONTALI ?? COME SI CHIAMANO ?

GRAZIE !
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Parodontologi (per rispondere all'ultima domanda). Continuo a non capire bene il tutto. Se sopra "la punta della radice" c'è un vuoto nero, significa che E' PRESENTE UNA PATOLOGIA PERIAPICALE CRONICA (GRANULOMA O CISTI). La risoluzione del caso può avvenire solo in due modi:
1)ritrattamento endodontico
2)apicectomia
Una tasca parodontale può provocare un ascesso parodontale la cui posizione non supera mai la linea muco-gengivale. La risoluzione del caso avviene tramite trattamento parodontale con lembo e rigenerazione se possibile.
Cordiali saluti ed AUGURI DI BUONE FESTE:
[#4] dopo  
Utente 506XXX

Iscritto dal 2007
Ringrazio anche il Dr. Muraca per le preziose precisazioni

E' buono a sapersi che la competenza è del parodontologo

Il mio dentista non ha parlato di granuloma o cisti, bensì di "grosso riassorbimento osseo da piorrea al dente 2.6"

Comunque faccio così: lunedì recupero (diplomaticamente) la mia dentascan e mi faccio vedere da uno specialista in Parodontologia

Saluto e ricambio di cuore i migliori Auguri di Buone Feste