Utente 219XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 28 anni e suono la chitarra da 16.
In questi ultimi 6/7 mesi avverto dei problemi nell'utilizzo della mano destra ovvero quella che usa il plettro, piu precisamente il polso dx . Ho perso l'elasticità del movimento e il dinamismo che sempre mi hanno caratterizzato in maniera eccellente. Nell'arco di questo periodo ho anche provato ad avere degli stop di qualche settimana pensando potesse aiutarmi ma...evidentemente non è questa la soluzione giusta.

Il medico curante mi ha prescritto un'elettromiografia alla mano destra ma risulta essere tutto a posto..quindi suppongo di avere un problema differente da quello inizialmente diagnosticato.

In passato ho già avuto problemi di principi di tunnel carpale alla mano sinistra...avvertendo quindi i classici sintomi tra cui formicolio durante la notte. Da anni quindi ho risolto il problema utilizzando un tutore durante la notte e vado decisamente meglio con la sx.

Per la mano destra pero non accuso gli stessi sintomi. Inoltre avverto dei fastidi anche nell'utilizzo del mouse.

Riassumendo, cio che mi capita al polso destro, non è un vero e proprio dolore bensi una perdita di elasticità e dinamismo del polso stesso e questo ovviamente va a compromettere le mie doti chitarristiche.

Poiche non essere piu in grado di saper suonare la chitarra mi affligge anche moralmente, chiedo gentilmente un vostro consiglio e se sapete fornirmi informazioni a tal proposito per la risoluzione del problema al polso dx.

Grazie
Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Massimiliano Tripoli
24% attività
0% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Gentile utente,
le professioni lavorative nelle quali le articolazioni vengano sollecitate quotidianamente, possono essere responsabili della comparsa di patologie infiammatorie a carico delle strutture tendinee ed articolari, che si manifestano con segni e sintomi non sempre chiari e comunque sovrapponibili tra loro. Le tenosinoviti, le artrosi, le sindromi da compressione dei nervi (nel suo caso del nervo mediano), in un terreno di predisposizione eredofamiliare, possono essere esacerbati dai microtraumi costanti, che l'attività lavorativa impone. Di solito, il riposo e l'asilio di tutori statici durante il giorno, migliorano la sintomatologia. Il sintomo del formicolio che avverte alla mano destra potrebbe essere legato ad una sindrome del tunnel carpale in fase iniziale, quindi non ancora diagnosticabile con l'elettromiografia. In ogni caso, soltanto una visita specialistica con un chirurgo della mano potrà valutare adeguatamente la sua condizione, richiedere eventualmente altre indagini strumentali ed arrivare ad una diagnosi corretta a cui seguirebbe il trattamento specifico.
Cordiali saluti