Utente 523XXX
Buon giorno,

da un pò di tempo mi sono reso conto di avere 2-3 linfonodi inguinali ingrossati (grandezza di un chicco di caffè). In realtà non so se sono sempre stati di queste dimensioni o se si sono gonfiati di recente dato che, prima di qualche settimana fa, non ero dedito a queste autopalpazioni di controllo.

vorrei capire se le dimensioni di cui parlo sono compatibili con un quadro di salute normale o se c'è bisogno di un controllo + approfondito.

In altre parole: i linfonodi sani devono sempre essere "non percepibili al tatto" o possono anche avere un loro volume stabile ed apprezzabile al tatto pur mantenendo uno stato "non patologico"?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In quella sede linfonodi palpabili e di quelle dimensioni sono di frequente riscontro.

In ogni caso, trattandosi di un primo riscontro, una verifica clinica da parte del Suo curante è sempre indicata.

Cordiali saluti
Salvo Catania
[#2] dopo  
Utente 523XXX

Iscritto dal 2007
Grazie Dottore per la risposta.
Le confermo che, in effeti, mi è stata prescritta una ecografia.

Le faccio infine altre due domande:
1 - l'ecografia è sufficiente a risolvere ogni dubbio sulla questione?
2 - Se i linfonodi verranno valutati come "sani" bisognerà comunque cercare qualche causa scatenante l'ingrossamento o tale dimensione è da ritenersi fisiologica?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Già l'ecografia potrebbe dare una indicazione e restringere il campo delle indagini.
[#4] dopo  
Utente 523XXX

Iscritto dal 2007
vi aggiorno sulla mia situazione clinica: l'ecografia non ha evidenziato niente di significativo: i linfonodi sono infatti sani e di dimensione inferiori al centimetro.

Il dubbio che mi rimane e quale sia la causa dell'ingrossamento. In effetti la loro dimensione non e' cambiata negli ultimi mesi e a questo punto comincio a dubitare del fatto che, forse, siano sempre stati di quelle dimensioni. Il mio medico mi ha fatto fare anche delle analisi del sangue (HIV, virus vari, composizione linfocitaria) e non e' risultato niente di significativo: virus assenti e globuli bianchi all'interno dei valori di norma.

in sostanza quello che mi chiedo e': non si rileva una variabilita' "normale" nella dimensione dei linfonodi in alcuni soggetti tale da permettere la palpazione degli stessi anche in stato di piena salute?

grazie