Utente 955XXX
Buongiorno.
Ho 52 anni e sono un po' in sovrappeso (94 kg su 185 cm).
Sono un fumatore moderato (un pacchetto mi dura 3 giorni).
Sono sempre stato bene in salute, a parte qualche problema di stipsi, poi risolto con adeguata alimentazione.
Tuttavia da qualche settimana avverto un senso di pressione alla costola sinistra, quella sotto al cuore, sopra il diaframma: come se mi venisse poggiata una mano sopra.
Inoltre ho spesso parestesie al braccio sinistro: dolenzie, ogni tanto leggeri formicolii.
A metà agosto di notte ho avuto anche un forte dolore alla schiena e al torace centrale, quel tipo di dolore che solitamente si prova quando si beve una bevanda troppo fredda: è durato almeno venti minuti, poi è passato.

Ho fatto un ECG in data 13 settembre: è risultato ritmo sinusale 70/min. Anomalie della fase di ripolarizzazione in sede infero-laterale.
Domani ho la visita cardiologica.

Mi piacerebbe però sentire anche il vostro parere.
Grazie, cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
in base ai suoi sintomi, fugaci e non apparentemente di natura cardiaca, si può dir ben poco on line. Molto presumibilmente, considerato anche il fatto che lei è un fumatore, le verrà prescritto un test da sforzo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottor Martino per la cortese risposta.
Il sintomo che avverto nella zona della costola sinistra non è però fugace, anzi è assai frequente, oggi ad esempio è continuo.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Molto probabilmente è di mera natura muscolare simil artrosica, talora curabile con una semplice terapia antalgica locale.
[#4] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
Ho fatto la visita cardiologica-
Guardando il mio ECG, il cardiologo ha detto che a suo avviso il tracciato era nella norma, non ha dato peso alle anomalie in fase di ripolarizzazione.
Poi mi ha auscultato piuttosto a lungo, e ha detto che la dolenzia al torace non è d'origine cardiaca, perchè in presenza della dolenzia avevo il battito regolare e 80/125 di pressione, da lui definita eccellente.
Se ho ben capito, correggetemi se sbaglio, voleva dire che se il dolore fosse stato sintomo di cardiopatia, non avrei avuto battito e pressione in regola.
Comunque mi ha prescritto un ecocardiogramma, che farò il 28.
Sperando di non seccare, riferirò i risultati.
Grazie, buonanotte
[#5] dopo  
Utente 955XXX

Iscritto dal 2009
Aggiungo il referto del mio ecocardiogramma:

Ventricolo sinistro: diametro telediastolico e telesistolico, accorciamento frazionale, parete posteriore telediastole, spessore di parete, massa ventricolo, tutti in valori erano nella norma.
Setto interventricolare telediastole: 1 cm ove valori normali tra 0,6 e 1 (nella norma al limite).

Atrio sinistro: diametro nella norma.

Aorta e valvola aortica: diametro bulbo 3,60 cm, ascendente 3,6 cm.

Morfologia e flussimetria:

Mitrale:
Lembi: prolasso del lembo posteriore

Valvola aortica:
valvola aortica tricuspide con cuspidi sottili che presentano normale escursione sisto-diastolica

valvola tricuspide:
flussimetria valori misurati:
rigurgito di grado: minimo
grad.ventr.-atrio dx (mm Hg): 16

Conclusioni diagnostiche:
normali dimensioni cavitarie
normale funzione del ventricolo sx.
prolasso della mitrale con minima insufficienza.
PAPs nella norma.

Beh non sembra brutto...
a parte il prolasso della mitrale con minima insufficienza, che non so cosa rappresenti.
Grazie, buona giornata