Utente 531XXX

salve, mi sono appena iscritto al sito perchè vorrei raccontare il mio problema sperando che qualcuno sappia aiutarmi...

ho sempre avuto il problema delle dimensioni del mio pene... da eretto misura (o farei meglio dire misurava) 12 cm ed io vivendo a contatto con amici vhe lo avevano ben al di sopra ho passato una infanzia a... nasconderlo... non prendevo parte a sport o iniziative che poi mi portavano in uno spogliatoio. Crescendo ho avuto modo di parlare con gente sempre nuova distaccandomi dal solito gruppo e ho scoperto che la media non è poi tanto lontana dalle mie dimensioni, così ho cercato di togliermi dalla testa questo spauracchio.
A 21 anni ho conosciuto una ragazza che avevo paura ad invitare fuori per insicurezza sul momento del sesso. Poi mi sono fatto coraggio e ho provato. Arrivati in camera ci siamo spogliati e quando me l'ha visto ha trattenuto un sorriso... di lì a poco con una scusa si è rivestita e se n'è andata.
Potete anche solo immaginare il trauma che ho passato in quel momento e nei giorni successivi con la paura che si diffondessero voci diffamatorie, con tutti i miei conoscenti curiosi degli avvenimenti.
Così anche se non era mia intenzione farlo visto che non sopportavo la pressione di quelle sensazioni mi sono iscritto in un'università in una città lontana e con quel pretesto ho cambiato casa e vita, rincasando solo nei weekend, rassegnandomi a rimandare il sesso a chissà quando.

Mi sono adeguato alla nuova vita conoscendo nuova gente eccetera, ma la fissazione del pene è rimasta fino ad oggi e non ho ancora avuto rapporti. Circa a metà 2007 girovagando per la rete sono incappato in uno di quei siti di penis enlargement e con la speranza di aumentare di qualche cm il pene mi sono iscritto e ho cominciato il programma.
All'inizio dopo solo un mese c'è stato un aumento di dimensioni di mezzo cm e la durezza era aumentata. I risultati sono progrediti fino a 2 cm in lunghezza e consistenza dell'erezione molto aumentata ma
un mese fa ho avuto un calo di potenza dell'erezione e un inizio di impotenza. Una parte di pelle dello scroto e del pene sono diventate grigiastre ed ho cominciato ad avere fastidi perineali e bruciori anali.
Ho consultato un professionista che mi ha fatto ecodoppler penieno ed ecografia ai testicoli che sono nella norma. La parte rossa/grigiastra è un'iperpigmentazione a cui non ha dato nessun significato.

Da parte mia l'unica cosa che posso dire è che dopo gli esercizi a volte mi comparivano delle macchie rossastre sull'asta del pene.

Ora sto prendendo cialis 10 senza successo e mi pento di aver abboccato ad una cosa del genere che all'inizio mi è sembrata perlomeno non deleteria...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Io penso che solo il coraggio di gente come Lei può aiutare a smascherare pseudolaureati del genere che lei ha incontrato.
Penso che le possa seriamente essere utile uno psicologosessuologo.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008

La ringrazio della "stima", almeno per il coraggio di uscire allo scoperto... ho comunque poco da vantarmi, devo dire comunque che i siti sono costruiti a pennello e ci sono brevetti su queste tecniche e addirittura certi urologi l prescrivono coe ho letto in consulti di questo sito...
a dirla tutta non so fino a che punto centrino le esercitazioni fatte col disturbo, il sangue e i corpi cavernosi non hanno danni e i testicoli sono da manuale di medicina, ma io non lho ancora detto esplicitamente all'urologo vorrei tenermelo per me e chiedere a voi quali esami fare per accertare eventuali disturbi.
Poi lo psicologo sessuologo non mancherà ma non so fino a che punto riuscirò a levarmi questa fissazione. Possibile che la strada debba sempre essere l'accettazione senza poter migliorare niente? Quel sito per un po' mi ha fatto davvero credere che le cose potessero cambiare almeno arrivando alla norma. ora sarebbe già un successo poter tornare alla normalità..
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Anche io concordo pienamente col collega che mi ha preceduto nella risposta. A questo punto certamente le risulterà utile avviare una consultazione psicoterapeutica ad indirizzo sessuologico.
Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
[#4] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore i risultati dei vari estensori penieni hanno pochi studi scientifici seri pubblicati in letteratura e i risulati sono spesso deludenti.
Per il problema erettivo può esserle di aiuto un videat sessuologico se tutte le indagini finora eseguite sono nella norma.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
[#5] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008

dottori grazie degli interventi. per essere più prsciso gli esami ecografia ai testicoli ed ecocolordoppler dinamico al pene (mi sono espresso male prima) sono perfetti. il sangue arriva benissimo, i corpi cavernosi sono omogenei e non presentano danni, i testicoli perfetti.

i disturbi sono inavvertimento dell'erezione ed erezione incompleta e minor sensibilità di minzione ed eiaculazione. poi ci sono fattori nuovi che non so se siano sintomi correlati, conseguenze o che altro, ad esempio improvvise "onde" di formicolii sui testicoli, fastidi e bruciori all'ano e perineo. e sudorazione eccessiva in quella zona. dato che un esercizio che facevo spesso era il kegel forse i fastidi al perineo c'entrano... se alla luce di questi sintomi avete altri test da consigliarmi fatelo pure.

intanto domani dovrei già sapere lo psicologosessuologo da contattare per la terapia.
[#6] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Le consiglio anche una visita specialista urologia o andrologica
[#7] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
dottori mi hanno scritto parecchi utenti, evidentemente non solo io ero disinformato totalmente su questi argomenti.

un utente dice che potrebbe trattarsi di fibrosi e induratio penis plastica che gli esami che ho fatto non fanno vedere. provocherebbero accorciamento e incurvamento del pene. o potrebbe esserci una lesione ai nervi.
ecco... mi interesserebbe sapere quali esami fare per accertare queste cose..

grazie e grazie agli utenti.
[#8] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Csro lettore è succiente un ecocolordoppler penieno dinamico che ha già effettuato
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
[#9] dopo  
Utente 531XXX

Iscritto dal 2008
grazie dottore, ma lei non consiglierebbe anche un test del potenziale evocato somatosensoriale? supponga che ci sia un danno neurologico... e un utente sostiene che la fibrosi potrebbe non essere rilevabile anche fin dopo un anno dal suo esordio. Lei che ne pensa?

comunque non mi sbagliavo certi urologi delinquenti hanno prescritto queste "tecniche" e usato estensori sui pazienti. tutto ciò va FERMATO. purtroppo capita sempre a gente che come me è già abbastanza atterrita da problemi su questa parte del corpo. con la mentalità della società moderna se non si può fare sesso si ha la vita rovinata.. non solo per se stessi ma anche per giudizi altrui in cui il sesso non c'entra niente. c'è poca informazione.. io confido che qualcosa di interessante possa partire da questo sito in modo da fermare chi come me rischia di rovinarsi la vita.
[#10] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
L'esame che le ho consigliato per valutare un'eventuale fibrosi è sufficiente.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini