Utente 124XXX
Gentile Staff medico di Medicitalia,
un paio di giorni fa mio zio (55 anni) è stato operato d'urgenza per un'ulcera digiunale peptica perforata (della grandezza circa di una moneta da 1 centesimo!) con conseguente peritonite. . .nel mese d'Agosto aveva riportato sintomi che qualche campanello d'allarme avevano suscitato : addome acuto, nausea, urto di vomito al momento dei pasti, astenia, colorito pallido; tant'è che venne ricoverato per una settimana circa e dopo una serie di esami specialistici la diagnosi fu piuttosto vaga, gli venne prescritta una dieta da seguire e finì là. . .Chiedo, possibile che vi fosse un principio d'ulcera già in questa occasione e che nessuno se ne sia accorto?!
Inoltre (motivo per cui vi scrivo!) a seguito dell'intervento i medici hanno avanzato l'ipotesi che possa trattarsi della rara Sindrome di Zollinger Ellison, ovviamente si attendono i risultati della biopsia. . .a legger qualche notizia sul web, pare essere una diagnosi abbastanza infausta, ma di cosa si tratta?!E' un tumore o può esser causata da un tumore?!
Ringrazio in anticipo per la Vs professionalità e disponibilità. . .inoltre auguro un sereno Natale a voi tutti!
F.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,la Sindrome di Zollingher Ellison ha come caratteristica la formazione di ulcere a vari livelli del tratto digerente superiore(dallo stomaco e fino all'intestino tenue9.La causa è rappresentata da tumori spesso di piccole dimensioni e a frequente sede pancreatica o a livello del tenue ,secernenti una sostanza(gastrina)che stimola la produzione di notevole quantità di secrezione acida.Questa notevole acidità determina l'insorgenza di ulcere,dolori addominali.diarrea etc
Le piccole dimensioni di questi tumori(maligni in circa il 60% dei casi)rendono difficile la diagnosi anche con indagini strumentali come TC addominale,ecoendoscopia. Il dosaggio della gastrina può dare indicazioni significative.Nelle forme iperplastiche o adenomatose ,la prognosi è favorevole.Non così nelle maligne.
La terapia medica con farmaci antisecretori ad alto dosaggio controlla la malattia che solo in casi eccezzionali,puo richiedere l'opzione chirurgica(gastrectomia totale) o l'asportazione del tumore se singolo.
Spero di averle dato le notizie richieste.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille Dottor Pennetti, la Sua risposta è stata più che esaustiva. . .non ci rimane che sperare si tratti di una forma benigna allora!
Il chirurgo dice d'aver trovato dei linfonodi da analizzare nell'area interessata. . .ciò è sinonimo di malignità o si possono trovare anche in caso di iperplasie o adenomi?!
Che prospettive di vita ci sono?!
Perdoni le tante domande, ma siamo davvero preoccupati. . .grazie ancora!
Cordiali saluti,
F.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
L'istologia definitiva anche su eventuali linfonodi asportati,darà informazioni sulla natura.La prognosi dipenderà anche da questi risultati.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 124XXX

Iscritto dal 2009
Attenderemo dunque l'esito. . .La ringrazio dottore per la chiarezza delle informazioni; ne approfitto per augurarLe un sereno Natale ed un buon anno. . .grazie ancora!
F.
[#5] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Ringrazio e ricambio gli auguri non solo per le Festività.