Utente 234XXX
Salve ho 19 anni e vorrei un parere per quanto riguarda la necessità di operarmi o no. Mi è stato diagnosticato dalla mia dentista un problema maxillofacciale di terza classe con morso inverso e quindi malocclosione, mi ha detto che era risolvibile solo con intervento chirurgico. Ho fatto una visita da un chirurgo maxillofacciale e lui ha confermato il problema e la necessità di fare l'operazione; per darvi indizi vi posso dire che mio padre aveva lo stesso problema e che le radiografie dimostrano chiaramente che la mascella inferiore è spostata in avanti, tanto è vero che al primo dente sopra, non corrisponde un dente sotto, solo al secondo sopra ne corrisponde il primo sotto. Inoltre ho da diversi anni problemi di cervicale e svariati scricchiolii alle ossa, spesso alle ginocchia e alle caviglie, il che, secondo il chirurgo starebbe a confermare il problema scheletrico. Per finire la protusione della mascella inferiore, dal punto di vista estetico è molto visibile. Anche secondo le ricerche che ho fatto, compreso le vostre risposte in questo sito credo che sia risolvibile solo chirurgicamente, ma mia madre auspica che ci sia una soluzione non chirurgica, per questo vi chiedo conferma. Inoltre visto che ci sono vorrei sapere le eventuali conseguenze dell'operazione e se riesce sempre. Ho letto che potrebbe causare la perdità della sensibilità del labbro inferiore e altri problemi, è vero?
Se vi serve qualche altra informazione chiedetemelo e se non potete darmi certezze, almeno ditemi la cosa più probabile! Grazie anticipatamente del tempo e dell'attenzione; è onorevole che degli esperti come voi si prendano il tempo per rispondere alle persone comuni!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
una terza classe scheletrica e dentale con morso inverso può essere evidentemente risolta solo con la chirurgia e non abbiamo motivo di dubitare che così sia anche senza averla visitata, altrimenti i colleghi avrebbero detto che una compensazione ortodontica sarebbe possibile
il rischio di perdita di sensibilità nella chirrugia mandibolare va paventato pur essendo un'evenienza rara ma che si può verificare e nell'informare il paziente non la si può escludere
chiaramente la terapia ortodontico-chirurgica nel suo caso è la soluzione definitva che permette il recupero funzionale ed estetico
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio molto per la sua risposta semplice e chiara. Mi solleva da una parte, ma dall'altra vedere l'operazione come unica soluzione è un pò preoccupante, perchè non è una passeggiata a quanto ho visto. Lunedi prossimo ho un'altra visita con un famoso chirurgo maxillo-facciale di Roma che insegna anche all'università. Voglio sentire un'altro parere e più che altro il primo maxillo-facciale mi ha fatto la visita direttamente da suo fratello che è un'ortodontista, facendomi capire che o mettevo l'apparecchio tramite lui o non mi operava; ma mi ha chiesto 6600 € solo per l'apparecchio e per di più da Latina dovevo andare ogni settimana a Roma per montare i pezzi dell'apparecchio per i primi 2 mesi. Ho letto che una ragazza a bologna ha speso 4000€ fra apparecchio, studio del caso e visite varie in ospedale, quindi non ho accettato. Ora andrò a fare la visita direttamente con la mia dentista di Latina cosi evito sorprese. Approssimativamente mi sapreste dire il costo medio di tutto questo iter? Apparte l'operazione che dovrebbe essere mutuabile. Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
mi spiace ma per regolamento del portale non possiamo parlare di prezzi
cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Ah, mi scusi, allora grazie ancora tanto e magari lunedi prossimo le dico la diagnosi di quest'altro chirugo. Buon lavoro!