Utente 555XXX
Gent.mi Dott.ri Vi espongo il piu' brevemente possibile il mio problema,da circa un paio di mesi non riesco piu' a completare un rapporto sessuale,la perdita di erezione dopo la penetrazione della partner,non ho piu' un rapporto fisso da circa due anni,e ho avuto rapporti occasionali,senza la pur minima complicazione fino a circa un due mesi fa',ho anche difficolta' a raggiungere l'orgasmo,mentre in precedenza lo gestivo a mio piacere.Ho effettuato una visita con un vostro collega,e mi ha prescritto esami del sangue,i risultati li comunichero' appena li avro',durante la visita ha dedotto secondo le sue conoscenze,che non esiste un problema meccanico,ma il problema arriva dalla testa come purtroppo prevedevo,La cura che mi e' stata prescritta per un mese e'la somministrazione del farmaco cialis a giorni alterni,ma avendo avuto un primo riscontro dopo circa 8 gg.di cura il problema resta tale e quale.
Ho avuto un passato da atleta prof e semi prof,sono ancora tuttora allenato,non ho grasso corporeo in eccesso,ho 42 anni,sono alto 1,80 cm, e peso 72,non bevo non fumo e faccio una vita regolare.Premetto che espongo il mio prob.anche voi,non per mancanza di fiducia verso il mio medico,ma in queste situazioni sentire anche i vostri pareri mi farebbe sentire meglio,non sto' in alcun modo vedendo una via di uscita.
Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,
queste situazioni cliniche richiedono sempre una valutazione andrologica diretta che sembra da lei già fatta. Purtroppo non conosciamo le indicazioni diagnostiche precise che l'andrologo consultato le ha dato e per quali motivi sia giunto alla conclusione di un problema psicologico. Comunque, se desidera avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, può anche consultare il nostro articolo pubblicato sul sito e visibile all'indirizzo:
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=22450
Ancora un cordiale saluto .

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

il suo problema dovrebbe essere inquadrato, da un punto di vista diagnostico, in maniera corretta per capire se la mancanza di erezioni dipenda da fattori psicologici o fisici, organici.
Lo studio delle erezioni notturne con Rigiscan ( esame facilmente effettuabile) potrebbe dare adeguate informazioni circa la causa prevalente dei suoi problemi. Anche una valutazione vascolare mediante EcoColorDoppler Penieno dovrebbe poter mettere in luce l'esistenza di problematiche vascolari possibili anche a 43 anni.
Continuo a non capire come si possa prescrivere il Cialis, o farmaci analoghi,se si è convinti della natura psicologica del fenomeno. Questi farmaci agiscono sul sistema vascolare non su quello psichico!
Nella sua zona esistono validi specialisti andrologi
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Innanzitutto vi ringrazio per le vostre risposte,inoltre vorrei precisare che si e' arrivati ad una prima valutazione di problema psicologico,in base ad alcune mie informazioni,e precisamente,le erezioni notturne e mattutine sono normali,e forti,ho anche provato con la masturbazione,e la problematica si manifesta molto meno,o pochissimo.
Domani sera avro'i dati degli esami del sangue,che comunichero'sul post.

Grazie un saluto.
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
attendiamo a questo punto gli "esami del sangue". Comunque, se dovesse confermarsi l'ipotesi psicologica, potrebbe essere utile anche un consulto con uno psicologo esperto nel trattare problemi sessuali o di coppia.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it


[#5] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Gli esami del sangue sono nella norma meno un valore ed esattamente la prolattina che ha un valore un po'alto di 361,il valore del testosterone,e' di 9,6
se fosse utile comunicatemi gli altri valori che potrebbero interessarvi,anche se come dicevo prima sono nella norma.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
a questo punto a lei l'ultima decisione su chi consultare. Il mio consiglio potrebbe essere quella di sentire, in prima battuta, un andrologo . Sarà lui poi a valutare la necessità di fare altre consulenze.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it

[#7] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
posto che gli accertamenti eseguiti sono in qualche misura a favore di una genesi mentale del disturbo, tenga presente che non necessariamente in tal caso l'approccio più adeguato è quello di tipo "psicologico" in senso stretto.
Si rivolga pertanto ad un Medico (che ha nel suo armamentario terapeutico anche la possibilità di cure farmacologiche) esperto e competente in campo Psicosessuologico.
Cordialmente
[#8] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dott. Garbolino,intende cure farmacologiche per questo tipo di problema,so' che non si sbilanciera'per ovvi motivi,ma in generale si intende cure per riuscire a calmare ansia e possibile malessere dovuto a stress e cause inerenti?
[#9] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Ho in questo periodo constatato,che con la masturbazione non ho nessun problema di perdita dell'erezione,mentre in compagnia di una ragazza,purtroppo il problema di perseguita come al solito negli ultimi due mesi,grazie per la Vs attenzione
[#10] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Dopo la seconda ed ultima visita con il medico,visti i risulati e le valutazioni,ha tratto la conclusione che il mio, come prevedevo e' un problema di origine psicogena,non mi ha dato alcuna cura se non l'uso,al momento del'incontro sessuale di 10 mg.di cialis (la situazione non si sposta di molto).quindi secondo quello che sono riuscito a capire il problema dovrebbe sparire col tempo,ora vi chiedo,ma un problema di questa origine,non si puo' proprio curare o almeno prova a curarlo con qualcosa di farmacologico?Qualcosa che mi possa togliere l'ansia che probabilmente mi prende mentre sono con una parter (dopo la prima volta che mi e' capitatato e' come se fosse rimasto un blocco),non ho alcun problema nell'erezione mentre iniziamo,il prob.inizia mentre inizio la penetrazione o al max dopo 10 o 15 min.faccio anche presente che non sento quasi piacere prima di non proseguire il rapporto.

Spero in una vostra gentile risposta,GRAZIE IN ANTICIPO.
[#11] dopo  
Dr. Mariano Indelicato
24% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
se ha accertato che il problema non è di origine organica, dovrebbe iniziare una vera e propria terapia con un psicoterapeuta che si occupa di disfunzioni sessuali che possa adottare le terapie idonee al tipo di problema che lei presenta.
[#12] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

il mio modo di vedre il suo problema è un po' diverso.
Supponiamo che lei sia affetto da una problematica vascolare, una Disfunzione Veno Occlusiva Cavernosa, che le consente di avere una adeguata rigidità solo fintanto che il suo pene sia stimolato, con decisione, dalle sue dita o da quelle della sua partner, ma che tende a ridursi, fino a scomparire, appenna lo stimolo cessa o durante la penetrazione ( lo stimolo vaginale è molto meno deciso di quello manuale). E' chiaro che tale incerta erezione le determina uno stato di ansia, di paura di non farcela, di panico (sudorazione, produzione di adrenalina, chiusura arteriosa...)che però sono effetto della patologia vascolare e non CAUSA.
Si faccia vedere da un andrologo esperto, faccia un esame Rigiscan ed una buona valutazione ecodoppler e vedrà che potrà trovare soluzioni accettabili al suo problema
cari saluti
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
anch'io riporto il discorso , come il collega Pozza, sulla necessità di una corretta e precisa diagnosi del suo problema.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

[#14] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
Vi chiedo gentilmente un ultimo charimento dopo di che prendero' una decisione in merito,ammettendo che si riscontri in ultima analisi che il mio problema sia solo di origine psicogena,esiste una cura farmacologica,per aiutarmi a risolvere la questione,oppure devo aspettare che la natura faccia il suo corso,sperando di non avere una vita sessuale gia' da ora cosi'difficoltosa.



Grazie di nuovo a tutti per la vostra professionalita e cortesia.
[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
fatta una diagnosi precisa poi si imposta una terapia ,la più mirata posssibile, anche con l'uso di farmaci .
Ancora un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#16] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
mi sembra che questa situazione la stia preoccupando molto, tant'è che anche nell'ipotesi di un disturbo psicologico lei spera in un farmaco che possa abbreviare il più possibile i tempi di guarigione

E come darle torto?! E' un problema davvero spiacevole, mme ne rendo conto. In effetti una scorciatoia farmacologica potrebbe esserci anche in caso di disturbo psicologico, ma anche qui l'unico modo per capire cosa fare è quello di rivolgersi ad uno specialista in carne ed ossa (e nello specifico ad uno psichiatra quando parliamo di farmaci psicoattivi)

Tenga presente inoltre che un trattamento psicosessuologico mirato non corrisponde necessariamente ad una psicoterapia lunga anni, come erroneamente si è portati a credere: in realtà si passa dal primo alla seconda nei casi in cui il disturbo d'erezione non è che uno dei tanti sintomi, ad es., di un disturbo d'ansia, del quale magari il paziente soffre da anni senza essersene accorto

Ciò non toglie che vi sono moltissimi disturbi dell'erezione, da origine psicologica, detti "semplici", ovvero non associati ad altre patologie psichiche, che con un intervento mirato si risolvono in tempi brevi

Anche in questo caso, l'associazione tra intervento medico-farmacologico e psicologico permette di ottenere con maggior probabilità il raggingimento dell'obiettivo.

Dipende poi dalla singola persona optare per situazioni "al massimo delle probabilità" o viceversa andare per tentativi

Io onestamente opterei per il massimo
[#17] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
GENT.LI Dottori,
volevo innanzitutto ringraziarvi per l'aiuto che mi avete dato con le vostre risposte ed il servizio che date a tutti noi indistintamente,volevo inoltre comunicarvi,che il mio problema pare si sia risolto,l'unica cosa che non riesco ancora a capire che e' comparso senza darmi alcun preavviso,se cosi' si puo'chiamare ed e' sparito allo stesso modo,inoltre avendo appurato che era di origine psicogena,io personalmente non mi sentivo male prima e non mi sento meglio ora a livello di testa,per cui faccio fatica a capire la comparsa e la scomparsa dello stesso.Ora comunque sono contento ed ho ripreso una vita sessuale piu' tranquilla e normale.

Un cordiale saluto.
[#18] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
siamo contenti per lei! Comunque , se mai fatto , rimane l'invito a fare un attento controllo andrologico per evitare eventuale "ricadute".
Ancora un cordiale saluto

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com


[#19] dopo  
Utente 555XXX

Iscritto dal 2008
In effetti Gent.le Dott.Beretta e' stato solo un fuoco di paglia,il problema e' tornato,ora occorre solo che mi decida a fare una vista di natura psicologica,visto che il mio prob.si manifesta solo durante il rapporto, ed in particolare con la penetrazione,devo dire che durante la stessa,non ho nessuna sensazione di piacere.

Grazie di nuovo per l'attenzione.
[#20] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

le riconfermo che una erezione valida durante la masturbazione e la stimolazione manuale, al risveglio mattutino ma che viene meno in prossimità o durante il coito è molto probabile che sia legata a fenomeni vascolari di tipo Veno Occlusivo.
Vada tranquillamente a parlarne con lo psicologo che intanto cercherà di sistemare le sue ansie
cari saluti