Utente 324XXX
Buonasera, desideravo una informazione. Mio padre in seguito all'infusione di zometa ha riportato l'osteonecrosi della mandibola. Sottoposto a 2 interventi di osteoplastica laser assistita ed antibiotico terapia purtroppo non ha ottenuto nessun miglioramento. Da una dentascan recente si evidenzia ancora infezione con fuoriuscita di pus (senza osso esposto) . Il medico che lo segue non puo' intervenire ambulatorialmente per il rischio di causare la frattura della mandibola poiche' dovrebbe andare in profondita'. Adesso mi chiedo cosa sipotrebbe fare almeno per bloccare il processo? Si deve fare un intevento chirurgico con anestesia generale e terapia intensiva al seguito? mi sapete indirizzare un centro specializzato per questi problemi? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
12% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
è sicuramente consigliabile che afferisca alla struttura pubblica presso il reparto di chirurgia maxillo-facciale dove valuteranno in base all'estensione della necrosi il trattamento più idoneo da attuare
inutile attendere ulteriormente
cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2007
Grazie , ma secondo la sua esperienza in cosa consiste il trattamento nel caso sia una estensione piu' profonda?
[#3] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
difficile rispondere senza conoscere il caso specifico.
In casi estremi si può ricorrere ad interventi ricostruttivi microvascolari, dopo rimozione della parte malata.
Segua il consiglio datoLe dal Collega.
Cordiali saluti