Utente 446XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni e da circa 1 anno ho una relazione stabile con una ragazza. Molte volte nel corso di quest'ultimo anno ho avuto momenti intimi con lei, ma tutte le volte eiaculo prima della penetrazione, quasi senza accorgermene. Ho notato inoltre una perdita di sensibilità al pene durante rapporti orali. Conoscendo un minimo le cause più comuni dell'eiaculazione precoce ho provato fin da subito ad affrontare la questione dal punto di vista psicologico, anche con l'aiuto della mia partner che si è dimostrata molto comprensiva a proposito, ma purtroppo i risultati scarseggiano notevolmente. Mentre è vero che all'inizio ero teso, ora non lo sono più, sono sempre più sereno quando capitano momenti intimi, ma il problema persiste.
Ho notato anche che pure durante la masturbazione l'eiaculazione avviene molto velocemente, con l'unica differenza che la sensibilità tattile del pene è normale e percepisco chiaramente lo stimolo, cosa che non succede quando mi trovo con la mia ragazza. Non ho notato inoltre niente che possa far pensare a frenulo corto o altri difetti fisici.
La cosa che più mi sconcerta è il fatto che più di 1 anno fa ho avuto una breve relazione con un'altra ragazza, con la quale ho avuto un paio di rapporti, e questo problema non si è mai verificato, anzi, l'opposto (il pene era sempre desensibilizzato rispetto a quando mi masturbo, ma duravo molto di più, nell'ordine anche dei 20 minuti!), ed è stato in principio questo a farmi pensare ai motivi psicologici quando il problema si è presentato con la mia attuale partner, ma come dicevo prima nonostante aver risolto quest'aspetto il problema persiste comunque.

Sono gia in procinto di prenotare per sicurezza una visita da un andrologo, ma volevo avere maggiori consigli da Voi per potermi fare un'idea più chiara della situazione e da cosa può esser provocato il problema.

Vi ringrazio in anticipo, saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
una eiaculazione precoce secondaria , cioè che interviene dopo un periodo di perfetto controllo , deve essere attentamente valutata e non si esclude affatto in questi casi la presenza di un eventuale problema organico (infiammatorio , neurologico , ecc, ecc) oltre che una eventuale causa funzionale e psicologica. Bene l'idea di consultare un esperto andrologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la veloce risposta, e aggiungo un dettaglio. Osservando meglio potrebbe questo esser causato eventualmente dal frenulo corto? Ho effettivamente notato che quando la pelle è completamente abbassata, il frenulo tira un po, facendo anche abbassare leggermente la punta del glande. Inoltre quando l'erezione è al massimo, in alcuni casi avverto una specie di dolore in corrispondenza della punta e del collo nella parte alta, una sensazione di tensione. Specifico che solo in alcuni casi di estrema eccitazione ho potuto riscontrare un'erezione così forte.
Riguardo la sua risposta, che altri sintomi potrei riscontrare in caso di un infiammazione, come lei ha ipotizzato? Ci sono segni, oltre ai problemi sopra citati, che possono far ricondurre ad un problema organico come lei ha detto nella sua risposta?

Grazie ancora, saluti.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
le problematiche di tipo infiammatorio a livello delle vie uro-seminale possono avere come unico sintomo il suo problema sessuale. La presenza poi di un frenulo corto è un ulteriore elemento per una valutazione clinica andrologica diretta.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#4] dopo  
Dr. Patrizio Vicini
44% attività
16% attualità
16% socialità
GROTTAFERRATA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro lettore le consiglio una visita andrologica per un corretto inquadramento eziologico dell'eiaculazione precoce
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
sono daccordo con il collega Beretta
il frenulo corto credo era presente anche prima durante i rapporti con l'altra partner quando il problema eiaculazione precoce sembrava non esserci